Archivi Blog

Relax post lavoro

Ogni tanto mi piace passeggiare con la persona che non sono. O forse che sono ma che ho poche possibilità di essere. Fatto sta che dopo il lavoro, infilate le cuffiette, mi sono fatto un bel giro defaticante. Parco Sempione, San Simpliciano, Brera. Sole, bei colori, gente rilassata ai tavolini dei bar. Sembrava quasi di non essere a Milano. Piccolo momento nostalgico "sul luogo del delitto" a fianco della facoltà di teologia. In cuffia Jack Johnson, Diane Birch, Nena ma soprattutto, dato un paio di cose che ho visto, "the girls in their summer clothes" del Boss. La primavera è arrivata… Dove ho messo il vasetto del bromuro??? 🙂

Annunci

Liga-Vasco-Max e i giovanil nazional popolari

Tra le diverse categorie che cerco di inimicarmi sul mio blog, un posto di riguardo occupano i fans del Liga, per il quale quasi mai ho parole di particolare stima. Oggi tiro dentro, giusto per non farmi mancare nulla, quelli di Vasco. Il filotto lo chiudo con quelli di Max Pezzali ma loro non se la prendono, insomma sono pur sempre fans di Max Pezzali! Cosa accomuna questo tre cantanti nel mio post? I loro tre ultimi singoli: il meglio deve ancora venire, e sono ancora qua e il mio secondo tempo. Delle tra forse solo alla seconda riconosco dei perché di fondo superiori, come reputo un gradino sopra Vasco, ma è il tema che mi interessa. Tutti e tre hanno un pubblico di una certa fascia di età e che (soprattutto per i primi due) si reputa a vario titolo sopra la medio in termini di percezione della realtà e impegno. Lo ammetto: non perdono ai fans del Liga di non vedere la strumentalità e l'ipocrisia del suo atteggiarsi a quello "semplice che non se la tira" facendolo al punto tale da tirarsela di non tirarsela. Tornando ai singoli mi colpiva il tema: tutte e tre le canzoni sono da reazione post crisi. Questi sono stati anni difficili, per tutti, e le tre canzoni dicono che ora si deve svoltare. Tema nettamente paraculo perché è ovvio che se dici una cosa del genere ora, nel mucchio trovi molti che la pensano così o vogliono pensarla così. Ognuno col suo stile. Di Liga ho già accennato. Vasco con quel senso di rivalsa del sopravvissuto e Pezzali con l'animo del giovanil quarantenne che vuole ancora sentirsi vivo.
Forza, convincetemi che sbaglio e che invece, soprattutto quella del Liga, scava nel profondo dell'animo umano con la sensibilità che solo lui sa avere… 🙂

Io mi tengo il buono

Ma io mi tengo il buono. Perchè di buono ce nè stato. Chissenefrega del finale. Chissenefrega di quello che buono non è stato. Io queste cose non le butto e anzi me le coccolo geloso.


Ascolto questa canzone, che sembra il nostro ritratto e mi viene voglia di ballare. Ancora una volta. Sì, proprio io. Sì, proprio con te. Prenderti per mano, nella penombra di un salotto illuminato solo dalla tv e ballare questa canzone. Con te che fai la difficile e poi mi accontenti.brBuonanotte, questo sorriso me lo hai regalato tu e neppure tu puoi prendertelo indietro

Playlist: Vecchio zitello

Piano piano sto portando in digitale tutti i miei cd e, uniti ai miei acquisti su iTunes, diventano playlist sul mio iPhone. In questi giorni (sarà la primavera?) sento spesso quella che ho intitolato "vecchio zitello". Sì perchè in fondo mi sento più uno zitello di uno scapolo, come dico di sovente. Eccone la composizione attuale:
Bacio d'a(d)dio – NinaZilli
Il Cielo d'Irlanda (live 2010) – Fiorella Mannoia
Il Cuore è uno zingaro – Giuliano Palma e i Bluebitters
Falling Slowly – Once (ost)
Friday I'm in love – The Cure
Hey, Soul sister – Train
How could you want him (when, you know, you could have me) – Spin Doctors
I'll work for your love – Bruce Springsteen
Little miss can't be wrong – Spin Doctors
Messico e Nuvole – Giuliano Palma e i Bluebitters
Nothing but a miracle – Diane Birch
Quello che le donne non dicono (live 2010) – Fiorella Mannoia
Real Love – Macy Gray
Sunrise – Norah Jones
Testardo – Daniele Silvestri
Way back into love – Music and Lyrics (ost)
You and your love – Jack Johnson

Canzone -> Persona

Se una volta vi avevo fatto un post delle persone che per me erano legate a delle città (ve l'avevo fatto o me lo sono sognato? ditemi che l'avevo fatto e non rientra nei "post mai nati") oggi ve ne faccio un altro con le canzoni legate alle persone.
Facile pensare che in alcuni, pochissimi, casi (solo La Ex) il collegamento sia romantico, molto più spesso è legato a ricordi in comune con questa persona e che hanno una determinata colonna sonora.
Via a una elenco in ordine sparso.

A Te (Jovanotti), Le strade di Francia (Daniele Silvestri) – La ex
Mulini a vento (Little Tony) – Dibe
Saturday Night (Bon Jovi) – La Fra
Take me out to the ballgame – Rave
Mo' Money Mo' Problem (Puff Daddy) – Simon & Rick (ah…estate '96!)
Rome wasn't built in a day (Morcheeba) – Andrea (la slovacca)
Silos (Elio e le storie tese) – Mio Cugggino

He's BACK!

Bentornato Daniele, ora ti aspetto Live.

Il ritorno del vecchio zitello

…che poi sarei io. Ieri, tornando dal lavoro, avevo voglia di vedermi una delle mie commedie sentimentali. Una di quelle scontate e banali. Una di quelle dove vai sul sicuro. Rapida scorsa mentale: quale risponde all'idetikit? Scrivimi una canzone! Con Hugh Grant che fa il solito Hugh Grant e Drew Barrymore al meglio. Buoni attori di contorno (non avevo mai notato ci fosse il professore di Glee), musica divertente. Trama che risponde alle aspettative come un Mac menù quando hai voglia di schifezze. Risultato assicurato 🙂
Inciso musicale: una canzone creata apposta per questo film e che scimmiotta le hit pop degli anni 80 è per me, sia come canzone che come video, il più bel falso della storia della musica. Anche ai tempi giusti sarebbe benissimo potuta essere una hit. Buona visione e buon ascolto.
PS Purtroppo non ho trovato video che consentissero l'incorporazione nel post. Dovete cliccare su QUESTO LINK

Ricarica Musicale

Stasera sono passato davanti alla mia collezione di Cd, più che altro degli anni 90 e prima metà del 2000 (tutto sommato i miei anno "d'oro") e ho fatto il pieno di cd da caricare sull'ipod (eh sì, iOs lo chiama così anche se si tratta di caricare sull'iPhone).
Ecco gli album prescelti, in rigoroso ordine sparso:
Pink – Try This e Missundeztood
Chumbawamba – Tubthumper
No Doubt – Rock Steady e Tragic Kingdom
The Corrs – Unplugged
Curiosity killed the cat – The very best of (lo ammetto: solo per Name and Number)
Vallanzaska – Cheope

Ne approfitto per chiedere aiuto a qualcuno di voi: quando si importa un cd in iTunes se all'interno dell'album ci sono canzoni "featured" tende a creare due album distinti. Come si può evitare una cosa del genere mantenendo l'unitarietà del cd? Grazie

Vi lascio con Trouble di Pink

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: