Archivi Blog

La vera rivoluzione di ATM

img_0189Di recente è uscita la notizia (rilanciata da molti siti tra cui anche MilanoToday: Atm, “addio” ai biglietti: in metro si entrerà con la carta di credito ) della rivoluzione nei trasporti pubblici milanesi e del parziale addio ai biglietti.

In soldoni la cosa si riassume semplicemente nel fatto di poter pagare direttamente con carte contactless.

La vera rivoluzione, se attuata, sta in una parte meno pubblicizzata della notizia: in TUTTE le stazioni sarà necessario convalidare il biglietto all’uscita.

I furbini ci saranno sempre, come alla mia fermata di casa, però almeno rendiamogli la vita difficile!

Sensori di prossimità

La gente è strana. Oggi, alla fermata di Molino Dorino, è salita la solita bolgia (soprattutto in questo periodo di orario estivo dei mezzi). Una coppia sui 50 anni, era riuscita a sedersi ma separata. Hanno allora chiesto ad una signora di fare cambio. Questa ha accettato.

Dopo essersi seduti accanto, si sono messi ognuno a leggere sul proprio ebook reader.

Va bene essere una coppia unita, però non cambiava niente leggere a due metri di distanza.

Milano Nera

Quando dico che il Gallaratese, tra le periferie, non è affatto una brutta zona, non penso di sbagliare di molto (anzi, io penso di aver ragione, ma tant’è). Ieri sera ne ho avuta l’ennesima conferma. Con amici rientravo da una cena in un locale e siamo passati in zona Giambellino. Già guardandoci in giro, si discuteva del fatto che non fosse una bella zona. Arriviamo in piazza Tirana e, davanti ad un bar, vedo tanti lumini accesi. Ignoravo totalmente quello che fosse successo.

Sorgente: Omicidio a Milano | Piazza Tirana davanti a bar | Morto 18enne notte 9 luglio 2017

Proseguiamo e giriamo in via Giordani e, a fianco al parchetto, sono ferme tre macchine della polizia, una camionetta e un’ambulanza.

Diciamo che la zona è un po’ bollente, in questo periodo…

Il buco nero di Lotto

Uno dei motivi principali per i quali ho (leggermente) abbassato il numero di post sul mio blog, è che la mattina in metropolitana più che altro gioco, invece di scrivere. Usando app che sfruttano costantemente la connessione internet per garantire il multiplayer, mi sono accorto di una cosa: c’è un buco nero a Lotto. Sempre la mattina (direzione sesto) e a volte la sera (tornando verso Rho Fiera), arrivati a quella stazione la connessione si perde. Solo per la navigazione però. Le chiamare vanno regolarmente. Evidentemente devo essere l’unico nerd rompiballe ad aver notato il problema, perché è mesi che va avanti.

La mia prima Milano Photo Marathon

Ieri, insieme ad un altro migliaio di fotoamatori, ho sfidato la calura per partecipare alla quinta edizione della Milano Photo Marathon. Si tratta di una manifestazione in cui ogni tre ore (10-13-16) vengono distribuiti tre temi. Si ha tempo fino alle 23.59 per scattare e un giorno in più (oggi) per selezionare le foto e spedirle. I temi non sono stati facili (come si fa uno scatto: “L’innovazione al lavoro” una domenica di giugno?) ma è stata un’esperienza molto stimolante, che sicuramente rifarò.

Dove andranno ora a sgommare con gli autoblido?

Fin da piccolo conoscevo molto bene la caserma Perucchetti di Milano. C’erano (o ci sono) di base i carristi. il giorno della festa delle Forze Armate, i miei mi portavano a vedere i mezzi. Ignoravo però totalmente l’esistenza della retrostante “piazza d’armi” che a quanto pare, oltre ad avere un campo di Polo, serviva come campo d’addestramento dei carri armati. Ora quella zona, in disuso, pare possa essere riconvertita a parco e condomini. In effetti è una zona in totale abbandono da decenni ma, mi chiedo, quanto c’è fame di case di un certo livello a Milano? Già ho dei timori su Cascina Merlata…

Sorgente: Milano | Forze Armate – Piazza d’Armi e il progettone – Urbanfile Blog

Lui è tutto tornato!

Venerdì. Ore 19.30. Esco dall’ufficio, dopo una giornata discretamente pesante e discretamente produttiva. Sono sulla banchina della metro che cazzeggio con l’iPhone. Con la coda dell’occhio (in alternativa potrei dire “con la mia mostruosa vista periferica”) noto un’altra persona in attesa della treno. Nell’intorno dei trent’anni, con occhiali da sole, cappellino e felpa. Mi sembra… no dai, non può essere lui… è una vita che non si vede. Mi rimetto a cazzeggiare. Arriva la metro. Salgo. Da un altro vagone sento partire la musica. È LUI! È TORNATO! Cantante Metroman! Il repertorio di frasi è sempre composto dai suoi grandi classici: “tutti insieme, anche i peruviani!” “Dai un applauso, almeno per il coraggio” “Dai che sono migliorato” … e via di mossette tipo la dance. Grande Metroman. Bentornato.

Tre torri, anzi due 

Ieri in pausa pranzo, visto il bel tempo, ho fatto una passeggiata nel quartiere City Life / Tre Torri. In effetti le torri per ora, e chissà per quanto, sono solo due ma poco importa. Devo dire che mi piace molto come zona. I condomini (di super lusso) sono anche architettonicamente belli e gli spazi verdi sono rimasti numerosi. Soprattutto se consideriamo che parliamo della zona della ex Fiera, che doveva necessariamente essere riconvertita. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: