Archivi Blog

L’ardesia lasciatela sui tetti…

Beef steaks with rosemary and spices

Una volta era una simpatica novità, anche abbasstanza chic. Ora, lasciatemelo dire, cari ristoratori, service sul piatto d’ardesia ha abbondamentemente ROTTO GLI ZEBEDEI.
Perchè? Mah, intanto è scomodo. Non ci puoi servire nulla che abbia un minimo d’intingolo. Quindi se ci porti la carne, o la fai ben cotta, o se il cliente (come me) la richiede un po’ al sangue, si rischia di fare i danni. Inoltre, ma è una cosa collegata, non c’è bordo e a me è una cosa che non è mai piaciuta.

Insomma, cari amici ristoratori, servire sul piatto d’ardesia nel 2017 vuol dire essere a metà tra il “una volta eravamo trendy” e il “vorrei ma non posso”.

Evitate. Grazie

L’internet delle cose, Amazon e il mio essere nerd

Bave. Bave complete. Amazon ha lanciato i Dash Button. Si tratta di piccoli dispositivi Wi-Fi da piazzare in casa, uno per ogni brand diverso che ha aderito, con i  quali è possibile ordinare automaticamente degli articoli con una pressione. Lo mettete in dispensa, finite i biscotti, lo premete! L’ordine è già partito. Dovete fare la lavatrice, vi accorgete che state usando l’ultima dose di detersivo, un click e il giorno dopo vi arriva tutto. Interessante che uno dei brand che ha aderito sia Durex… 

Il costo è di 4,90 euro per ogni bottone, per il quale vi verrà riconosciuto uno sconto di pari importo dopo il primo utilizzo. 

Da amante della domotica e dell’Internet delle cose (che va tanto di moda), non posso che essere entusiasta e vorrei prenderne almeno un paio. La cosa cozza pero col mio essere contemporaneamente milanese imbruttito, che tutti questi articoli li compra sempre all’esselunga. 

Potenzialmente si tratta di una cosa interessantissima. 

https://www.amazon.it/gp/browse.html?node=10909060031&tag=slhyin-21&hvadid=160674030132&hvpos=1t1&hvnetw=g&hvrand=18147699384914304409&hvpone=&hvptwo=&hvqmt=e&hvdev=c&hvdvcmdl=&hvlocint=&hvlocphy=1008463&hvtargid=kwd-70330109688&ref=pd_sl_65viknsmnj_e

Le dieci linee di bus e tram più Imbruttite diMilano – Il Milanese Imbruttito

In genere mi piacciono le frase de Il Milanese Imbruttito ma il suo blog mi lascia abbastanza tiepido. Quando vogliono essere simpatici, spesso non ci riescono. Quando vogliono raccontare qualcosa di Milano, non sempre mi sembrano approfonditi.

Hanno però fatto questo articolo sulle 10 linee di superficie più imbruttite di Milano e devo dire che sono quasi in toto d’accordo. Quindi ve lo giro.

Sorgente: Le dieci linee di bus e tram più Imbruttite diMilano – Il Milanese Imbruttito

Camminare sulle acque 

In genere delle frasi del Milanese Imbruttito faccio una condivisione sulla mia bacheca di Facebook. Oggi però gli ho voluto dare “dignità” di post del blog perché è un argomento del quale volevo parlare da qualche giorno.


Quando lessi per la prima volta dell’installazione sul lago d’Iseo, ne fui colpito. “Devo assolutamente andarci” pensai. Ora ho rivisto totalmente la mia posizione. Vedendo e leggendo in rete si rendo conto di come sia diventato un grande carrozzone modarolo, dove sta andando chiunque giusto per andarci. Il tutto poi in un contesto per nulla pronto ad accogliere la fiumana che sta arrivando. Addirittura domenica sulla A4 i cartelloni luminosi informavano sul l’uscita consigliata. 

No. Se non lo prorogano di almeno un mese, dubito fortemente di andarci 

Nuove frontiere dell’Imbruttita al Supermercato

Quando pensi di averle viste tutte. Quando pensi che la famiglia con tre cestelli per evitare la cassa “normale” sia il peggio della perversione. Ecco che…

Oggi ho visto una signora, decisamente Imbruttita e malfidente, utilizzare la bilancia del reparto frutta e verdura per verificare che quello degli affettati non l’abbia fregata.

Tu hai dei seri problemi. (Anche io che noto certe cose ma probabilmente tu di più)

Il rosso e il nero (di Spontini)

 Che piaccia o no, Spontini è un’istituzione della pizza al trancio milanese. Personalmente non condivido l’idolatria di molti ma ogni tanto ci vado. Insomma: una buona pizza e poco più. Per chi, non milanese, non lo conoscesse, è appunto una catena di pizza al trancio caratterizzato dalla standardizzazione dell’offerta. Solo Margherita, normale o abbondante. Questo quello che normalmente si poteva trovare dietro la classica insegna rossa con logo bianco. Da qualche tempo qualcosa è cambiato. C’è un altro Spontini (questa volta con insegna nera) che però, a giudicare dal sito ufficiale, fa sempre parte della catena. Una serie di punti vendita in centro con un po’ di differenze rispetto al modello classico: locali più piccoli, solo posti in piedi con bancone, location di pregio e tre tipi di pizze. Un modo per cercare di raccogliere il maggior flusso di turisti che affolla il centro.

La Milano che non c’è più

Quando si parla della “Milano che non c’è più, in genere si parla di quella dell’800, coi Navigli scoperti e senza grattacieli. Gli anni però passano e la città cambia, così anche cose più recenti “non ci sono più”. Ieri Il Milanese Imbruttito ha pubblicato la foto che vi allego qui sotto. Si tratta di una vecchia pubblicità di Burghy degli anni 80. Non solo la storica catena di fast food è defunta da anni ma anche la cartina in sé è interessante, dalla linea 3 che ancora non c’era, alla linea 1 che si fermava a Lampugnano. Un bello spaccato storico, a modo suo.  

  

Groupon regala sempre grandi emozioni…

 Ricevo tutti i giorni le newsletter di groupon. In genere guardo i ristoranti, anche se essendo single in questo periodo non è che mi interessino molto. Qualche volta guardo i prodotti. Per esempio ne ho acquistato uno che testerò e di cui vi parlerò a breve, mentre di recente vi ho fatto un post su un prodotto interessante della sezione “hot”.

A cavallo tra i prodotti piccanti e i ristoranti troviamo questa strana offerta. Il buono per una cena sushi, servita sul corpo nudo di una bella (si spera) ragazza. Ne avevo già sentito parlare ma non pensavo fosse sbarcato a Milano. Sinceramente per quanto possa trovare intrigante la pruriginosità della cosa, non penso mi interesserebbe mai seriamente.

Sorgente: SIXTH SENSE Milano Deal del Giorno | Groupon Milano

Ps: il titolo alternativo di questo post, molto più goliardico o da osteria, sarebbe stato “c’è del pelo nel mio sushi” 🙂

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: