Archivi Blog

C’è aria di Fuorisalone

Ieri sera abbiamo fatto un aperitivo con amici in zona corso Garibaldi. Vuoi le prime giornate tiepide, vuoi il venerdì sera, vuoi i milanesi imbruttiti, però c’era davvero il mondo. La chiara impressione è che ci sia già aria di Fuorisalone, l’evento che, al grido di “installazioni!”, muove masse oceaniche per le vie dei Distretti bene del design (o modaioli) di Milano.

Annunci

Milano è bella

Oggi è uno di quei giorni in cui è facile sostenere che Milano sia bella. In pausa pranzo mi sono fatto un bel giro, tra l’altro prendendo tre linee metropolitane su quattro. Prima sono andato a Lido di Milano per rinnovare l’abbonamento dell’olimpia. Cosa che ho fatto a cuor leggero, visto il licenziamento di coach Banchi, avvenuto in mattinata. Poi ho preso la lilla e sono andato in Garibaldi. Qui ho fatto a piedi prima corso Como e poi corso Garibaldi. Un certo tipo di milanesità non mi appartiene ma, soprattutto in giornate così, sono zona davvero belle (e ben frequentate…). Arrivato a Moscova avrei potuto proseguire ancora perché c’era il tratto di corso Garibaldi che mi piace di più, però la ripresa del lavoro incombeva e mi sono rassegnato a prendere la verde per tornare in Cadorna. No, Milano non è affatto male.

Orgasmo al vitello

Passando in corso Garibaldi non avevo mai notato questa trattoria, dove sono stato a cena ieri sera. Ambiente vecchio stile. Però quel vecchio stile reale, più da “abbiamo lasciato i muri com’erano” piuttosto che “rifacciamo tutto come se fosse vecchio”. I due ragazzi che si dividono la sala, non molto grande a dire il vero, sono discreti e cordiali, mettendoti subito a loro agio. Cibo ottimo (il menù cambia ogni giorno, credo) ma menzione di merito ad un piatto in particolare: filetto di vitello ai frutti di bosco. Veramente spettacolare, con un ottimo equilibrio di gusti, senza scadere nel dolciastro. Ne avrei mangiati tre. Prezzi milanesi ma comunque al di sotto di quello che ci si aspetterebbe vista la via.
Consigliatissimo./home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/8fc/24797867/files/2014/12/img_6038.jpg

A pranzo da Temakinho

Oggi a pranzo ho testato Temakinho. Ristorante di cucina giapponese in stile brasiliano. La prima volta che ne sentii parlare, la trovai una commistione abbastanza tirata. Documentandomi ho poi scoperto che gastronomicamente è una contaminazione che trova ragion d’essere e non è certo un’invenzione modarola. Mi sono quindi convinto alla prova del locale che hanno in Corso Garibaldi. Inevitabilmente, data l’ubicazione, è un posto con una certa componente trendy, anche nella clientela, che so riflette inevitabilmente sul prezzo, non esagerato ma neppure ideale per andarci ogni giorno. Si esce sazi spendendo tra i 20 e i 30 euro. Il menù è composto da una variegata offerta di temaki e roll. Di quasi tutti i piatti è possibile avere la stessa ricetta nelle due varianti. Ci sono poi alcune tartare e dei piatti speciali. Normalmente si tratta di classici abbinamenti della cucina giappo, rivisti in chiave brasiliana. I gusti sono particolari e spesso tendenti al piccante, senza per questo far ricorso al wasabi. Personalmente mi è piaciuto molto, anche per l’ambiente ed il servizio.

IMG_5590.JPG

Consumer Satisfaction

Alcuni dati di fatto su California Bakery
– Si mangia bene
– Si paga tanto
– Il posto è altamente modarolo (cosa che di base non è un plus per me)
– Si fa del gnocca-watching di gran qualità (questo sì che è un plus!) 🙂

Detto questo, oggi ero in vena di trattarmi bene e sono andato nel California Bakery di Corso Garibaldi, in pausa pranzo. Mi sono preso un hamburger, come sempre buono e gigantesco. Ho bevuto l’acqua “sfusa” che lasciano sul tavolo e poi mi sono preso un milkshake al cioccolato.
Conto complessivo: 21 euro… tantino. Stavo pagando con la faccia dell’agnello sacrificale (che però sapeva di essersela andata a cercare) quando la tipa alla cassa mi dice “vuoi un sacchetto? ti diamo un regalo”. Risultato: fetta di cheesecake in omaggio, circa mezza porzione, e merendina assicurata. Resta costoso ma almeno così si rientra un po’ più dei costi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: