Archivio dell'autore: puck74

La furbissima Laver Cup

La Laver Cup è un ricchissimo torneo-esibizione a squadra di tennis (non assegna punti atp) che, scimmiottando un po’ la Ryder Cup di Golf (di cui a breve sentirete molto parlare su queste pagine), contrappone i migliori tennisti europei a quelli del resto del mondo.

Sinceramente l’ho seguita solo sui social ma, già dai video di youtube, devo dire che è un prodotto mediaticamente molto ben costruito. Basta guardare le immagini che seguono. Il campo grigio è fatto per esaltare la contrapposizione delle due divise: azzurra per gli europei, rossa per gli altri. Il colpo d’occhio è subito forte e ben distintivo, non è possibile confonderla con nessun altro torneo.

Che poi prenda piede con una sua dignità sportiva, è un altro paio di maniche.

Annunci

La Juventus è sempre un passo avanti

A torto o a ragione (secondo me a torto) sono spesso accusato di essere antijuventino. In realtà, più di una volta, da queste pagine ho tessuto le lodi della formazione di Torino. Anche oggi sono qui per questo. Da quest’anno, anche in Italia, c’era la possibilità, per le compagini di serie A, di avere una formazione B, come accade all’estero (penso soprattutto alla Spagna ma non solo) da far partecipare al campionato di Serie C. Una soluzione ideale per far giocare i propri giovani in un campionato professionistico ma averli sotto controllo diretto, senza doverli dare in prestito in giro per l’Italia. Quest’anno c’erano tre posti disponibili ma solo una società, alla fine, ha presentato domanda: la Juventus. Unica cosa che non capisco, perchè la facciano giocare ad Alessandria e non a Torino.

LEGGI QUA

Rendersi orgogliosamente ridicolo al proprio matrimonio

Io non ballo. Per definizione. Il primo ballo del matrimonio è quindi stato un argomento molto spigoloso, durante la fase organizzativa. Andando una sera a cena dalla mia testimone (Chiara, assumiti le tue responsabilità), tra il serio e il faceto, aveva proposto che avremmo anche potuto usare come lentone “Tapparella” degli Elio e le storie tese. Non sarei mai arrivato a tanto però… se fossimo riusciti ad avere una versione solo strumentale… I mesi sono passati e l’iniziale disponibilità di Mrs Puck si è, ovviamente, ridimensionata. Alla fine optammo per altro. Alla fine la feci ballare già all’aperitivo, durante l’esibizione delle Tozzi Sisters (bhè Chiara, anche qui merito tuo, le ho copiate dal vostro matrimonio).

Però… quando quasi tutti sono andati via… è partito quell’inconfondibile intro, magistralmente espresso dal maestro Cesareo… e allora nell’imbarazzo di Mrs Puck (ben visibile nel video che segue) mi sono esibito non solo in un legnoso ballo, ma anche in una improvvisata serenata.

A distanza di settimane, non capisco perchè non mi venga riconosciuto il grande romanticismo del gesto…

Si ringrazia YdR per il video.

Miti grandi e piccoli

L’era dei social è un’arma a doppio taglio, non solo per le celebrità (o le presunte tali) ma anche per i fans.

Tra Facebook è Instagram (Twitter ci pubblico solo, senza mai leggere), seguo qualche vips ma soprattutto diversi sportivi per i quali tifo, ho tifato o anche solo mi voglio aggiornare su cosa fanno. Bhè mi sto rendendo conto che a volte sarebbe meglio vederli solo in campo o sui palchi, perché poi, a leggere cosa scrivono, capita che ti cadano veramente le gonadi per terra.

Non pensavo avrei rimpianto il bipolarismo

Ogni tanto passo sul sito http://www.sondaitalia.com, per capire se veramente ci aspettano ancora cinquant’anni di questo governo. L’attuale coalizione è ancora saldamente oltre il 50% dei consensi (secondo i sondaggi, per quanto lascino il tempo che trovano).

La cosa interessante è che però si è sempre più vicini ad altre coalizioni possibili. Sia il centrodestra (Lega, Fi, Altri) che il centrosinistra (M5S… se vogliamo ancora pensarlo schieramento di centrosinistra, PD, Altri) si attestano oltre il 40%.

Forse un governo diverso, in futuro, sarà possibile. Vedremo (con tanta paura) le Europee.

Chris Rea, Josephine e io

Non ho mai retto Chris Rea. Oddio, lui non mi ha fatto niente di male. Diciamo che non ho mai sopportato la sua musica, nonostante riconosca che non è certo l’ultimo arrivato. Quando passa per radio, mi provoca un mix di malessere e malinconia. Insomma, mi inquieta. Purtroppo l’altro giorno ho sentito un  suo brano e ora non riesco a togliermi di testa Josephine, una delle sue canzoni più famose.

Starbucks e quei simpaticoni del Codacons

Cose esiste a fare il Codacons? Me lo chiedo ormai da parecchio tempo, da quando mi sembra che, più che cercare l’interesse dei consumatori, cerchino solo le luci della ribalta mediatica. Sì, perchè nell’era del sensazionalismo, del populismo e delle fake news, loro ci sguazzano proprio a meraviglia. I loro esposti sono ormai sempre più pretestuosi e strampalati. Dopo l’esposto con Burioni per la questione dei vaccini, ora se la prendono con Starbucks per i prezzi.

Si chiama libero mercato. Se loro vogliono far pagare 1,80 un caffè e 4,50 un cappuccino, sono liberissimi di farlo. Soprattutto se poi si trovano stuoli di soggetti disposti a fare la coda pur di entrare.

Sono prezzi fuori mercato? Sì. E’ nel loro diritto farlo? Altrettanto sì. Perché il preteso diritto (che quelli del Codacons vorrebbero difendere) di concedere a tutti di poter provare l’esperienza di Starbucks non sta né in cielo né in terra.

Io allora voglio veder difeso il mio diritto di provare un pranzo a Villa Crespi senza dover spendere più di 100 euro. Codacons, cosa aspetti a fare un esposto?

Anche per colpa di Facebook

Il mio blog è in crisi. Lo è da tempo e il motivo principale è che non ho più il tempo per scrivere due o tre cavolate ogni giorno.

Però è in crisi, dal primo agosto, anche per colpa di Facebook.

Prima avevo un’applicazione che automaticamente pubblicava sulla mia bacheca Facebook ogni post. Da lì arrivavano la maggior parte delle visualizzazioni. Ora il social network ha cambiato la sua policy (e le sue API), impedendo questo automatismo. Durante tutto il viaggio di nozze non me ne sono accorto, con il risultato che le foto messe su Instagram venivano rilanciate (per le foto non è cambiato nulla), mentre i post no.

Tutto resta invariato per le pagine Facebook. Quindi d’ora in poi non mi resta che consigliarvi di seguire la mia pagina. Per il resto dovrò fare di ogni post la pubblicazione manuale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: