Canzoni che vorrei sentire almeno una volta dal vivo

Con il COVID19 (diventerà mai Covid20?), la musica dal vivo ha subito una bruschissima interruzione. Questo è avvenuto proprio nel momento in cui stavo provando a togliermi la soddisfazione di sentire almeno una volta dal vivo alcune canzoni. Quali? Bhè al momento ora ne ho tre che vorrei veder fatte di persona almeno una volta… Eccole in ordine sparso

Ascoltare la radio: 2

Come scrivevo, sto tornando ad ascoltare la radio. Non sono uno di quelli che pretende che si trasmetta solo musica. Se (e ribadisco SE) i deejay mi piacciono, gradisco anche programmi, di intrattenimento, in cui si parla molto. Quello che non reggo è quando si da troppo spazio agli ascoltatori. Ok per i messaggi letti, però le telefonate in diretta proprio non le reggo. La gente pretende veramente che quello che ha dire abbia un interesse per i più. Non è così!

Lo so, sembra ipocrita, da parte di uno che ha un blog da ennemila anni. In effetti in parte è così. Però io non vi costringo certo a sorbirvi le mie inutili elucubrazioni (tipo questa) se non volete!

Ascoltare la radio

Nel periodo di lockdown e, più in generale, in quello di smart working, ho ricominciato ad ascoltare la radio. Ora, che comunque sono praticamente sempre in ufficio, provo a continuare a mantenere questa buona abitudine (interruzioni e telefonate permettendo). Come radio, rimbalzo tra Deejay e Virgin Radio. Per esempio la mattina parto col Trio Medusa, giro dalle 9 alle 10 quando c’è un programma che preferisco non nominare neppure e torno ad ascoltare l’emittente di via Massena quando parte Deejay Chiama Italia.

Scusate ma quello non lo reggo proprio…

La mia estate digitale terrestre 2: Total Power Crunch Display

Sul digitale terrestre, soprattutto su certi canali tematici, gli inserzionisti non sono molti, quindi gli spot tendono a ripetersi. Ecco che quindi in agosto sono stato tempestato dalle pubblicità del Total Power Crunch Display (va rigorosamente ripetuto per intero tutto il nome). A peggiorare la situazione, il fatto che due diverse società di televendite lo proponevano, allo stesso prezzo ma da due siti diversi. La fondamentale differenza? Che uno dei due aveva l’immenso Giorgio Mastrota. Ammetto che ci sto pensando all’acquisto, ovviamente dal sito di Giorgionenazionale.

La mia estate digitale terrestre 1: Jerusalema

Quest’estate è stata una estate italiana. Mrs Puck e io abbiamo affittato un appartamento nel paese dove la mia famiglia va da sempre (Pinzolo). Ci è capitato quindi di vedere più televisione di quanto faremmo in vacanza e di vedere più digitale terrestre, mentre a casa andiamo quasi sempre di streaming e satellite. Abbiamo quindi scoperto tante piccole chicche, alcune positive altre meno. Un primo effetto pavloviano è che ogni volta che sento la canzone Jerusalema, per me ormai è Bake Off Italia. Lo passavano poco quello spot…

Il mio commento su questi dati COVID19

Non siete negazionisti: siete solo COGLIONI

Ciao

Forse ci meritiamo il coraggio istituzionale di un nuovo Lockdown

Leggevo QUESTO INTERESSANTE ARTICOLO sulla situazione italiana ed europea del Covid19.

Sinceramente, sono molto preoccupato. Per tanti motivi ma anche perchè vedo in giro una marea di persone che se ne fregano e che inveiscono, preventivamente, verso un ipotetico prossimo lockdown.

Invece credo veramente che ci meritiamo, per il nostro bene, un nuovo lockdwon, perchè pare che non c’è in giro abbastanza senso civico e intelligenza.

Inveite contro un presunto “regime”? Forse ve lo meritereste.

Peccato che questo coraggio, temo, non ci sarà. Almeno non fino al referendum e turno elettorale di settembre…

Bipartisan

Amazon Prime Video mi ha fatto il grandissimo regalo, appena prima delle ferie, di mettere disponibile in streaming LA mia serie preferita: The West Wing. La serie (che tratta di un ipotetico presidente della Stati Uniti d’America appartenente al partito democratico) è scritta in modo sublime da Aaron Sorkin. Certo ritrae un politico “ideale”, pur non nascondendo le storture del sistema statunitense. Mi fa venir voglia di fare politca, nel senso più alto del termine. Uno dei concetti che più mi affascina è quello del bipartisan: votare una legge perchè giusta, a prescindere da quale schieramento l’abbia proposta. Una cosa INCONCEPIBILE nella dinamica (se vogliamo chiamarla dinamica…) della politica italiana.

Fatto sta che è una serie stupenda. Vi riporto uno dei monologhi che preferisco, in cui il presidente (cattolico) mette in riga una integralista cristiana.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: