Un po’ Grinch e un po’ no.

the_grinch_trailerAlcune cose del Natale mi piacciono tantissimo. Per altre invece sono un vero Grinch.

Mi piace molto fare regali ma al contempo odio impacchettarli (perchè sono negato, sia benedetto chi ha inventato i sacchetti regalo) ma soprattutto trovo inutili i biglietti che vadano oltre il “x Tiziocaioesempronio” e “auguri da Puck (e Mrs Puck ora)”. Il resto è totaleunteria (copyright YdR). Soprattutto non sopporto i biglietti che danno già indizi su che regalo ti hanno fatto. Se uno è un po’ sgamato, gli toglie anche il piacere della sorpresa dello scartarlo.

Quindi, miei pochi lettori, fate come me (se ci riuscite, Mrs Puck rema contro), lasciamo stare i toccanti messaggi annessi ai regali.

Annunci

Blog chiuso per fatturazione elettronica (e altre beghe)

Il blog, in queste settimane, è un po’ abbandonato a sé stesso. Il motivo è fondamentalmente la prossima introduzione massiva della fattura elettronica e le incertezze relative al ritardo nell’approvazione della legge di bilancio e le misure collegate. Non ne faccio una questione politica (o almeno, non ne ho la forza di farne una questione ora) ma si fatica davvero a lavorare in queste condizioni.

Spero di tornare al più presto a scrivere con maggiore regolarità.

Il primo giorno de L’artigiano in fiera

Oggi i miei pochi lettori e seguaci sui social si aspettano solo una cosa da me: il solito reportage da l’apertura de L’artigiano in fiera.

Cancelli che aprono alle 10. Io in coda dalle 9.30 circa. Alle 9.50 (perchè fanno entrare sempre un po’ prima) la foto dello strudel con panna montata e crema di mirtilli. A seguire, commenti sulle donne che vanno troppo eleganti in fiera, col trolley oltre a varie ed eventuali spigolature.

Più che abitudinario (sì, lo so, lo sono) sono un che ama le tradizioni e costruirsi le sue tradizioni. Però la verità è che quest’anno non ho voglia di andarci. Probabilmente ci andremo a cena (oggi, domani e diverse volte in settimana)

Salviamo Marco Masini

Ormai ti distrai un attimo ed è già Natale. Giusto il tempo di digerire e sarà ora del veglione di Capodanno. Se, come me, vi è capitato di fare feste in casa e non nei locali, in genere, per il conto alla rovescia della mezzanotte, si finisce per accendere la tv.

Una cosa più classica della programmazione di “Una poltrona per due” è che venga invitato in uno di questi programmi  Marco Masini per cantare la sua Vaffanculo (sempre sulla Rai).

Canzone che ha un suo perchè e un suo significato ma che, sull’altare del nazionalpopolare, viene immolata e travisata come un inno al “lasciamoci alle spalle l’anno passato”.

Spesso si vede il suo fastidio per la cosa ma, si sà, la comparsata in Tv fa sempre bene al conto in banca. Lo capisco. Però salviamolo. Almeno fategli cantare ANCHE altro.

Essere scassamaroni nel dna: un’autodenuncia

Sono sempre stato un appassionato di webcam online, forse un po’ per il mio latente voyerismo, vuoi perché è un modo di viaggiare con la fantasia e sentirsi per un secondo in un’altra parte del mondo.

E’ comunque diventata una cosa passata di moda e siti come Earthcam non hanno più l’appeal di una volta.

Io continuo a controllarne alcune, soprattutto della zona dove vado in montagna (Pinzolo, Val Rendena). Una di queste, ha una visuale molto simile a quella di uno dei balconi di casa nostra.

Il maltempo delle ultime settimane aveva però fatto spostare leggermente la cam, che ora inquadrava praticamente solo il cielo. Oggi mi sentivo particolarmente scassamaroni e ho scritto alla società che gestisce la cam. In poche ore mi hanno risposto e… hanno sistemato la cam.

Proprio vero che nella vita gli scassamaroni le hanno tutte vinte…

The day after tomorrow

Tranquillo Trump. I cambiamenti climatici non esistono e questi espertoni creano solo allarmismo.

TEMPESTA DI NEVE SU NEW YORK

Sembra il film The Day After Tomorrow

La Flat Tax esisteva già

Dal 2019 parte la flat tax! Wow! Che bello! Che Novità!

Sì, peccato esistesse già. A parte il fatto che le società di capitali (srl e spa) hanno sempre pagato un’aliquota unica, dal 2019 questa Flat Tax parte per le partite iva individuali. Se però si va a vedere, si nota che non è una novità ma l’estensione del regime già conosciuto come “forfettario” ai soggetti che fatturano fino ai 65.000 euro.

Detto che non è una novità, ma la spacciano per tale, è comunque un bel vantaggio perchè assicurerà (a chi riuscirà a rientrarvi, non è così automatica la cosa) un bel risparmio fiscale.

Piccola nota dolente: non è vero che sono (totalmente) esonerati dalla fatturazione elettronico. Così, giusto per non darvi troppe buone notizie 🙂

Accrocchi cinesi

Apple, nelle ultime versioni di iPhone (ma penso anche di iPad) ha tolto l’ingresso del jack audio. Quindi per ascoltare la musica si hanno tre scelte: 1) lo speaker interno 2) gli auricolari BT 3) auricolari con connettore lightning.

Se optate per l’opzione 3) potete utilizzare quelli che vi vengono dati nella confezione all’acquisto. Ma se li perdete o si rompono? Quelli originali sono ben prezzolati. Siccome Mrs Puck and I siamo abbastanza disordinati, ne dovevamo prendere due. Lei si è data da fare e ne ha trovati di economici su Amazon. Tutto bello, tutto buono. Arrivano. Apro la confezione e ci sono delle istruzioni (???). Cioè? Non basta che li connetto? No. Evidentemente la tecnologia apple è particolare e quindi questi ingegnosi produttori cosa hanno pensato per limitare i costi e aggirare i problemi tecnici? Inserisci il cavetto che però non serve a passare l’audio ma solo ad alimentare quelle che alla fine sono auricolari BT a cavo… Quindi dopo averli connessi, devi riconoscerli e funziona tutto.

Alla fine poco cambia. Però nella tecnologia si trovano davvero delle assurdità pratiche.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: