Archivi Blog

Miti grandi e piccoli

L’era dei social è un’arma a doppio taglio, non solo per le celebrità (o le presunte tali) ma anche per i fans.

Tra Facebook è Instagram (Twitter ci pubblico solo, senza mai leggere), seguo qualche vips ma soprattutto diversi sportivi per i quali tifo, ho tifato o anche solo mi voglio aggiornare su cosa fanno. Bhè mi sto rendendo conto che a volte sarebbe meglio vederli solo in campo o sui palchi, perché poi, a leggere cosa scrivono, capita che ti cadano veramente le gonadi per terra.

Annunci

Uno si sforza di creare contenuti… e poi…

Anche se ai più non sembrerà, per il mio blog mi sforzo di creare contenuti che possano risultare interessanti. Ok, spesso lo sono prettamente per me o per “quelli come me”, ma lo sforzo c’è.

E poi…

E poi uno condivide uno di quei quiz logico matematici che girano su Facebook e la propria bacheca si popola di commenti come mai in tutti gli ultimi sei mesi messi assieme.

E poi uno azzecca un hashtag in un titolo di un post e un discreto numero di utenti Twitter (che genera pochissimo traffico al blog, nonostante ogni post sia condiviso) si accorge di me.

Mah…

Twitter raddoppia… e un po’ mi dispiace

 

shutterstock_311499485

Da 140 a 280 caratteri. Questa la svolta epocale di Twitter, che abbandona il formato classico da Sms e aumenta la lunghezza possibile dei tweet. A me un po’ dispiace, perchè in fondo così si snatura (un filo) la natura sintetica di questo social network. Del resto però io sono un tipo restio ai cambiamenti, anche in rete. Per esempio non ho ancora digerito che su Instagram ora si possano pubblicare foto rettangolari…

Sorgente: Twitter va oltre i 140 caratteri, test per raddoppio a 280 – Internet e Social – ANSA.it

#Merculedì : Chiappe sode vs Cellulite

Il Fatto Quotidiano, oltre a prendere le difese del M5S ad ogni occasione, ha anche modo di offrirci perle di giornalismo. Da un loro blog, vi giro un entusiasmante articolo sul fatto che la cellulite sia sexy. A voi i commenti, se vi va.

Tra l’altro, è un articolo ideale per oggi, quando suo social network (quello con censure meno stringimenti, come Twitter e Tumblr) va molto l’hashtag #merculedì

Sorgente: Natiche tonde e sode? No grazie, la cellulite è più sexy – Il Fatto Quotidiano

La sindrome da Klout

Millantando mire da influencer (che, a interpretare letteralmente quello che ho scritto, vorrebbe dire che dico di voler essere un influencer ma in realtà non è così. In effetti, la definizione giusta è che vorrei esserlo ma non faccio poi molto per diventarlo), tengo sotto controllo la mia valutazione di Klout.

Si tratta di un valutatore della propria presenza sui social, molto in voga soprattutto nei paesi anglosassoni un paio d’anni fa. Era tanto che non ci andavo e di recente ci sono tornato, notando una costante flessione della mia valutazione. Da un certo punto di vista non mi stupisce, però nella ripartizione del giudizio mi lascia perplesso. Porterei la maggior parte dei miei punti da Twitter, che in genere non filo di pezza, molti meno da Facebook è Instagram.

Il succo non cambia: non sono un influencer e pare lo sia anche sempre meno!

Genialità e pazzia vanno a volte a braccetto

Shining, oltre ad essere un romanzo di successo di Stephen King, è anche una pietra miliare della storia del cinema. Un film che ha turbato le notti di più di una generazione, anche e soprattutto per le due inquietanti gemelline che invitavano a giocare con loro.

Ora pare ci sia un inglese che si diverta a far replicare la scena alle proprie figlie, ovviamente anch’esse gemelle. Se andate in Inghilterra e prendete un hotel che abbia un lungo corridoio… siete avvisati.

Togliergli la patria potestà o attribuirgli una standing ovation? Sono indeciso.

Sorgente: Il padre che terrorizza gli alberghi facendo interpretare Shining alle figlie gemelle – TPI

1489598949-fc

Grillo è irresponsabile (del suo blog)

Irresponsabile: agg. Che non è o non si considera responsabile di determinati fatti.

Sì, Grillo è irresponsabile. Non sono io a dirlo, sono i suoi avvocati, in merito al suo blog e all’account twitter:

«Beppe Grillo non è responsabile, quindi non è autore, né gestore, né moderatore, né direttore, né provider, né titolare del dominio, del blog né degli account Twitter e Facebook, non ha alcun potere di direzione né di controllo su tutto ciò che viene postato»

MA STIAMO SCHERZANDO? Ha il tuo nome, ha la tua faccia, quando ti fa comodo è il tuo organo ufficiale… poi quando ti querelano la colpa è della testa di legno che risulta intestatario del dominio?

Tutto questo nell’ambito di una querela che ha ricevuto per un post del blog. Tra l’altro ironizza sul fatto di aver già vinto la causa, accusando i Dem di essere rosiconi. Peccato che se in questa fase siamo al deposito dello memorie, la causa è tutt’altro che terminata. Vabbè ma cosa vuoi che sia, non sarà mica responsabile per aver scritto anche questa castroneria?

Sorgente: Blog, accusa di diffamazione per post non firmato: perché la responsabilità non è di Grillo – Il Fatto Quotidiano

 

Caro Piernicola Pedicini, che segui il mio account twitter, cosa mi dici in merito? Se tu volessi commentare, sarò contento di pubblicare integralmente la tua replica. Però, mi raccomando, fallo tu, non un ghost writer 🙂

 

New Entry nei miei preferiti a 5 stelle: Carlo Sibilia

Forse già lo scrissi una volta (o comunque lo penso da sempre) non tutti i m5s sono complottari ma tutti i complottari (che votano) votano m5s. A dimostrazione di ciò, spesso i “cittadini a 5 stelle” si lanciano in ardite affermazioni che troverebbero il sostegno di Rosario Marcianò (se non sapete chi sia, vi invidio molto).

Ecco quindi entrare nella mia classifica dei m5s preferiti Carlo Sibilia, che ci regala una grande lezione di economia monetaria.

Sorgente: Carlo Sibilia dice che le monete sono come i metri – Il Post

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: