Non è censura, è rispetto della legalità

Spesso si confonde il diritto di parola, soprattutto online, con la libertà di insultare a piacimento. È di qualche giorno fa la notizia, che riporto in calce, di una ragazza che ha ottenuto un risarcimento danni per essere stata insultata online. Ancora ieri usciva la notizia che alcune persone sono state denunciate per ingiurie contro i vigili urbani su Facebook. Per me non è uno scandalo nè una limitazione alla libertà personale ma un’azione di sacrosanta libertà. Chissà perché la gente pensa di non dover rispondere di quello che combina online.

Gli insulti su Facebook ora vengono multati di 100 euro al giorno – IlGiornale.it.

Annunci

Pubblicato il 7 maggio 2015 su Giorno Marmotta. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: