La dura vita dell’uovo di Pasqua. 

La vita dei dolci stagionali è segnata inevitabilmente dal calendario. Però quella delle uova di Pasqua è, se vogliamo, peggiore. Innanzitutto non le puoi mangiare prima di Pasqua. Un panettone io la mangio da Sant’Ambrogio in poi. Più o meno lo stesso anche per torrone, colombe p chiacchiere. L’uovo no. Va aperto il giorno preciso. Questo però sarebbe ancora il minore dei mali. Il fatto è che passata la Pasqua nessuno penserebbe mai di comprare un uovo. Un pandoro sì, una zeppola di San Giuseppe anche. Un uovo di cioccolato no. Che fine fanno tutte le uova invendute? Ritirate e rifuse? Riciclare l’anno dopo? Soprattutto quest’ultima mi auguro di no, così come spero non vengano buttate e basta.

Advertisements

Pubblicato il 6 aprile 2015, in Giorno Marmotta con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: