Archivi Blog

Le olimpiadi invisibili

pyeongchang-2018-logo

Le Olimpiadi Invernali 2018 non hanno avuto, nei mesi scorsi, un grande appeal. Farle in Corea del Sud, non ha aiutato sia per questioni di fuso orario, sia per la situazione politica internazionale. I diritti televisivi hanno quindi avuto una strada alquanto strana. In pratica, a livello meramente televisivo, in Italia è quasi impossibile vedere le gare in diretta. Meglio con lo streaming online, dove Eurosport (di sicuro ma a pagamento) e RaiSport (un po’ da capire, ma pare di sì) coprono l’evento. Per fortuna che, per l’Olimpia Milano, avevo già fatto l’abbonamento ad Eurosport Player (scontatissimo)

Annunci

Roberta Vinci ha vinto anche me

Seguo il tennis, in particolare quello femminile. In particolare nel particolare seguo Flavia Pennetta. Però da tifoso italiano seguo qualsiasi tennista a tricolore (No, non chiedetemi di Camila…). Però non avevo mai ascoltato Roberta Vinci in interviste, forse qualcuna ai tempi degli Slam con Sara Errani. Ieri invece mi sono fatto una scorpacciata di Eurosport e me la sono vista nelle interviste post partita e a Game Set and Mats. Sinceramente mi ha conquistato, con la sua spontaneità e la sua sincerità. Ti dice che non ci credeva che poteva battere Serena Williams e le credi, sinceramente. Così come credi che nonostante questo si è giocata ogni punto alla morte. In questo atteggiamento un po’ mi ritrovo. Sapere di non avere  molte possibilità non vuol dire provarci comunque, vuol dire essere oggettivo. Così come le credi anche quando dice che è il giorno più bello della sua vita ma le dispiace anche per il pubblico americano e per Serena, che meritava il Grande Slam ma… “oggi è il mio giorno”. E giù applausi. In semifinale non aveva il pubblico contro di lei ma a favore della sua avversaria. Con quell’intervista sul campo, in finale avrà tutti gli Usa tennistici dalla sua parte e anche per me tifare Pennetta non sarà così facile.

Un ultimo pensiero, prima di lasciarvi al video dell’intervista. Quando la Schiavone ha vinto il Roland Garros, la finale era tutta da giocare. Si sperava in una vincitrice italiana e alla fine c’era stata. Qui oggi possiamo goderci davvero la partita. Chiunque vincesse sarò contento, saremo tutti contenti: il tricolore sventolerà su Flushing Meadows.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: