Archivi Blog

Per una volta io sto coi tassisti

In questi giorni nelle maggiori città europee ci saranno scioperi dei tassisti contro Uber. L’applicazione per la prenotazione di “auto con conducente”. Se nella loro battaglia contro il car sharing non capivo le loro motivazioni, in questo caso lo faccio in pieno. È sotto gli occhi di tutti come si tratti di un servizio di taxi abusivi. Sulla situazione italiana si può poi discutere sulla questione delle licenze e sul loro costo, però fino a che la legge è questa ci sono delle persone che hanno pagato per poter svolgere un lavoro e si trovano a competere con chi non l’ha fatto e può tenere prezzi molto più bassi. All’estero la situazione non è diversa e anche se non pagheranno le licenze care come qua, il tassista è comunque un’attività regolamentata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: