Archivi Blog

Niente… non ce la fanno a non dare le colpe a qualcuno

Partiamo da due dati di fatto: 1) Autostrade chiedeva da anni di costruire, a proprie spese, la nuova gronda 2) M5S si opponeva a quest’opera che avrebbe alleggerito il tratto caduto. 3)Di recente il soggetto messo dalla Casaleggio è associato al ministero delle infrastrutture, aveva tolto la Gronda tra le grandi opere da realizzare. (ok, potrebbe non aver cambiato nulla… o forse no).

Detto questo non bastano migliaia di chilometri di distanza tra me e Di Maio per evitare che mi faccia girare le balle. “Chi rompe paga” dice. Mi pare palese, non una condanna. È una sua proprietà in concessione. Il soggetto messo al ministero delle infrastrutture tuona che si costituirà parte civile. Riesce a farsi smerdare da Di Pietro (che non sopporto ma che da ex pm certe cose le sa) dicendo che il ministero era responsabile e non tanto parte lesa… ok, ci sono da poco e non li si può accusare di mancato controllo ma sulla opposizione alle grandi opere….

Alitalia, l’italianità e il governo del cambiamento

Ci ho provato. Ci ho seriamente provato a non commentare QUESTA NOTIZIA ma alla fine non ce l’ho fatta.

Perchè ad un certo punto non si puo’ stare zitti. Soprattutto se a parlare e Toninelli.

MA COME??? Governo del cambiamento e si ripensa a portare in alveo italiano Alitalia? Non ci sono capitali italiani (che non siano pubblici) per un’operazione del genere. E’ una compagnia che doveva fallire vent’anni fa. Sarebbe potuta ripartire, come per esempio ha fatto Swiss, e oggi essere sana. Invece. Siamo ancora qui con questo accanimento terapeutico.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: