Archivi Blog

Shut up and take my money

takemymoney

L’immagine che trovate qui sopra è un meme piuttosto diffuso, soprattutto in ambienti geek/nerd. E’ usato quando esce qualche gadget e “non si puo’ fare a meno” di buttare i propri soldi. Al di là della razionalità, della coerenza o anche solo di un minimo di pensiero strutturato.

Detto questo, torniamo indietro di almeno tre anni. Kickstarter è un portale dove si possono finanziare nuovi progetti. Tempo fa finanziai una piccola macchina fotografica in cartone. Sono trascorsi oltre due anni, dalla scadenza prevista per la consegna, e ancora non l’ho avuta. La società sta già commercializzando il prodotto ma è in ritardo col rifornire i primi “finanziatori”, come me. Ogni volta che pubblicano qualcosa su instagram, io (e altri) siamo lì a fargli notare che stiamo ancora aspettando.

Ieri hanno lanciato su kickstarter il crowdfounding per il nuovo modello, in legno. Tempo zero l’ho finanziato. Ecco. Appunto. Tornate al paragrafo iniziale.

Non son se posso vivere senza…

Ormai costantemente, monitoro il sito di crowdfounding Kickstarter, alla ricerca di qualche sfiziosa novità. Capita quindi che anche i banner che mi appaiono durante la navigazione, siano legati a questo. L’altro giorno, mi è stato proposto l’articolo che trovate qui sotto. Sono indeciso: genialità o ravanata galattica? Il confine è spesso sottile.

https://www.kickstarter.com/projects/egoistemondiale/pause-pod-your-private-pop-up-space-for-relaxation?ref=2rtxb3&%3Butm_source=jellop&%3Bja=jcf&%3Butm_term=13.jellopcrowdfunding.com&%3Butm_content=Pause_Pod-CL4&%3Butm_medium=facebook

Kickstarter: sarei rimasto truffato pure io

In questo periodo sono particolarmente sensibile ai progetti della piattaforma di crowdfounding Kickstarter. Oggi mi sono imbattuto nell’articolo che riporto in calce. Parla di una truffa perpetrata su quel sito. Il progetto era interessante in effetti e, se lo avessi visto lo avrei finanziato pure io: una sorta di mini aspiratore, da alimentarsi tramite il cellulare, per poter utilizzare in viaggio i sacchetti sottovuoto. Io li uso sempre, soprattutto in partenza, per minimizzare lo spazio in valigia.

Il progetto è stato finanziato ma nessuno ha ricevuto poi il prodotto… che casualmente è uscito in vendita su alcuni siti thailandesi (pagabile in bitcoins…)

Purtroppo le truffe sono sempre in agguato, anche se immagino che kickstarter abbia diverse tutele in campo, a difesa dei finanziatori.

Sorgente: Kickstarter, 9182 utenti beffati per quasi 500mila dollari – Tom’s Hardware

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: