Archivi Blog

Kickstarter: sarei rimasto truffato pure io

In questo periodo sono particolarmente sensibile ai progetti della piattaforma di crowdfounding Kickstarter. Oggi mi sono imbattuto nell’articolo che riporto in calce. Parla di una truffa perpetrata su quel sito. Il progetto era interessante in effetti e, se lo avessi visto lo avrei finanziato pure io: una sorta di mini aspiratore, da alimentarsi tramite il cellulare, per poter utilizzare in viaggio i sacchetti sottovuoto. Io li uso sempre, soprattutto in partenza, per minimizzare lo spazio in valigia.

Il progetto è stato finanziato ma nessuno ha ricevuto poi il prodotto… che casualmente è uscito in vendita su alcuni siti thailandesi (pagabile in bitcoins…)

Purtroppo le truffe sono sempre in agguato, anche se immagino che kickstarter abbia diverse tutele in campo, a difesa dei finanziatori.

Sorgente: Kickstarter, 9182 utenti beffati per quasi 500mila dollari – Tom’s Hardware

Le Poke e le Sys per l’organismo

Nei profondi anni 80, ai tempi del Commodore Vic20 e del 64, c’erano dei piccoli comandi da inserire, prima di caricare i videogiochi, per ottenere vite infinite e altro vantaggi. Questi comandi si configuravano come “poke” o “sys” seguiti da codici numerici. Non è che servissero solo a quelli, sono comandi di Basic Ancora oggi, videogiocando tra vecchi nerd, se un titolo ha un comportamento strano diciamo “hai messo le poke?”.

Bhé, che ci crediate o no, c’è gente che crede si possano risolvere i “bug” del nostro organismo semplicemente ripetendo delle serie numeriche. 

Mi sarebbe piaciuto fornirvi un link che non foraggiasse questi soggetti ma non l’ho trovato. Mi tocca quindi passarvi un sito di entusiasti di questo “metodo”, dal quale mi dissocio e che vi propongo solo a fini di curiosità. 

Sorgente: Grigori Grabovoi: sequenze numeriche, armonia della vita – Fisica Quantistica e Conoscenze al confine

La grande truffa del SuperHD di Sky

Da un mesetto abbondante ho dato libero sfogo al nerd che è in me e ho cambiato televisore. Il 3D non mi interessava, lo schermo curvo non mi convince, sono così andato su un UltraHD (o 4k). Premesso che ormai un televisore del genere costa meno di quello che si pensi, ero conscio di due cose: 1) non ci sono ancora molte fonti 4k 2) anche i formati inferiori avrebbero beneficiato di questo salto generazionale.

Tutto vero, ma non è di questo che volevo parlarvi. Sono quindi partito, da bravo nerd, a cercare qualche fonte 4k per testare la nuova potenza. Prima ho scoperto che il servizio Wuaki avrebbe proposto video in questo formato, però alla resa dei conti sul loro portale non ho trovato ancora nulla. Poi ho letto che Sky avrebbe offerto  il SuperHD. Inizialmente non mi ero accorto della lieve differenza di dicitura (super e non ultra) e subito sono andato a cercare i video in questo formato. Trovo un documentario. Lo faccio partire e, non notando una particolare differenza, aziono le info del televisore: 1080i (neppure 1080p!!!) e 50fps. Alchè provo a sistemare le impostazioni del televisore. Niente. Provo a sistemare le impostazioni del decoder. Niente. Provo anche a cambiare la presa Hdmi del televisore. Niente.

Allora vado in rete e Wired (sempre più la mia bibbia) mi risolve l’arcano: il SuperHd di sky è solo un normale Hd (ma compattato meglio a livello software) con un canale che occupa il doppio della banda rispetto ad uno hd normale del pacchetto.

Delusione e vaga sensazione di essere preso per il deretano. Se volete informarvi meglio, vi lascio il link all’articolo.

Guida al Super HD – Wired.

Lo schema Ponzi e la disperazione dei gonzi

Lo schema Ponzi, di cui già parlai, è così semplice da capire che mi meraviglio ancora che qualcuno ci caschi.
In estrema sintesi, qualcuno ti propone un guadagno straordinario a fronte di un investimento contenuto, tu ci stai e versi il capitale. Questo però non viene investito ma serve a remunerare chi ti ha presentato e, in misura minore, chi ha presentato lui. A questo punto voi iniziate a trovare nuovi soggetti, pubblicizzando questo fantastico investimento e il sistema si autoalimenta. Autoalimenta ma non perpetua, perché prima o poi i polli da spennare finiscono e qualcuno inizia a voler prelevare il proprio capitale. Qui il sistema collassa. In genere non pubblicizzo imprese truffaldine di questo tipo ma il video che vi propongo è così maldestramente grottesco che merita una menzione nella sezione trash.

GUARDATE QUA

Ma perchè lavoro?

Ci sono in giro tante pagine web che promettono guadagni stratosferici. Molti adesso si pubblicizzano con video. Il link che vi propongo è uno di questi. E’ però disgustosamente divertente per l’assurdità dei toni e per il testo in generale. Certo che se però certe pagine proliferano, vuol dire che qualcuno ci casca. Scusatemi, ora esco a pranzo e nel frattempo questo fantistico software gratuito e totalmente legale mi farà guadagnare abbastanza per risanare il debito pubblico italiano.

GUARDA QUA

Ma qualcuno si fida ancora di Groupon?

La domanda ormai è più che lecita perché più parlo con amici e conoscenti e più sento esperienze negative. In fin dei conti non sarebbe colpa loro, quanto dei soggetti che fanno offerte tramite loro. Però come minimo dovrebbero vigilare su quello che vendono. Le lamentele più comuni che ho sentito sono di due tipi:
1) per i ristoranti, sempre che si riesca a prenotare, la qualità del menù offerto è decisamente inferiore a quella offerta agli altri avventori.
2) per le prestazioni estetiche, quelle che sono riuscite a prenotare e farsi fare il trattamento per il quale avevano pagato sono una ristretta minoranza.
Personalmente avevo fatto, con soddisfazione, un paio di offerte di Tuangon, che era partito per primo in Italia, poi quando questi servizi si sono moltiplicati la cosa ha iniziato a puzzarmi e ora ho cancellato anche tutte le mailing list. Voi avete esperienze positive?

Nessuno batte il mercato, cara Guzzanti

Una delle prime cose che ti insegnano ad Economia è che, nel lungo periodo, nessuno batte stabilmente e in modo considerevole il mercato. I guru della finanza che promettono rendimenti strabilianti non esistono.
La cara sabina Guzzanti puo’ dire quello che vuole, se si è fatta raggirare dal Madoff dei Parioli è solo perchè si è fatta ingolosire dalle promesse di rendimenti strabilianti.
Alla faccia di tutti i suoi bei discorsi sulla moralità, le caste, la finanza che ruba ai poveri cittadini.
Guzzanti truffata: mi sono sentita imbecille – Corriere Roma.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: