Archivi Blog

YouTube: tocca a te!

No, non si tratta di un invito, nonostante i miei recenti tentativi (con pessimi risultati in termini di visite) ma di un canale YouTube che ho iniziato a seguire. Vi ho scritto dell’entusiasmo verso i giochi da tavolo mio e di Mrs Puck, così ne sto cercando di nuovi. Uno in particolare (Alta Tensione) ha attirato la mia attenzione e così stavo cercando di capirne meglio online. Mi sono imbattuto quindi in questo canale in cui vengono spiegate, in modo molto chiaro e lineare, le regole e le dinamiche di diversi giochi. Tra la marea di cose inutili che si vedono in rete, ho trovato questi video utili e ben fatto.

La mafia delle coppiette: boardgame edition

I giochi da tavolo sono spesso visti come il regno dei nerd, spesso single e “sfigati”. Preconcetti. Un po’ come quelli sugli appassionati di videogiochi. Come tali, duri da estirpare.

In parte ne sono rimasto vittima anche io, perché mi sono ritrovato a stupirmi di un fenomeno sempre più diffuso: la mafia delle coppietta ha un ramo molto sviluppato di amanti dei giochi da tavolo. Questo mi ha piacevolmente stupito perché, da anni, cercavo una compagnia con cui giocare. Eccomi (eccoci) quindi. Catapultati in tutta una serie di serate: da Dixit a Ticket to ride, da Carcassone a Catan.

Certo, le combriccole nerd alla The Big Bang Theory che giocano a giochi più hardcore ma sicuramente oggi è molto più facile di un tempo andare oltre i soliti Monopoli, Trivial o Taboo.

Di sicuro il gioco che mi sta più prendendo in questo periodo

Sono una brutta persona

Prima di Natale ho ricevuto una petizione da Chance.org perchè venisse tolto dal commercio il gioco “squillo”. Il testo della pagina, che trovate come link a pié pagina, recita:

SQUILLO è un nuovo gioco di carte dallo spirito estremo e divertente! Qui ogni giocatore ricopre un ruolo (quello di sfruttatore di prostitute) gestendo colpo su colpo le sue ragazze, divise tra escort, battone di strada e giovani promesse, ognuna con una propria particolarità, parcella e ricavato finale in caso di k. o. , e. . . successiva vendita degli organi”.

Non è possibile scherzare e giocare su una situazione drammatica e triste come lo sfruttamento della prostituzione che vede migliaia di donne ridotte in schiavitù e private della loro sessualità. È un’offesa ai diritti umani e alle persone morte per il sistema prostituente. Il Black humor deve avere un limite.

Mah… Personalmente la cosa non mi scandalizza più di tanto. Sarà che da appassionato di videogiochi sono abituato a scindere il reale dalla finzione. Forse troppo, direbbe qualcuno? Fatto sta che non mi sconvolge GTA e non mi sconvolge neppure questo gioco. Anzi, una partitina la farei anche. Ovvio non è un gioco per ragazzi e non deve esserlo ma qui sta al buon senso dei genitori, così come dovrebbe essere per i videogiochi.

 

Sorgente: Petizione · Ritirare il gioco da tavolo “SQUILLO” immediatamente · Change.org

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: