Archivi Blog

Essere trendy come le GranDonne (omg…): l’acqua di cocco

Visto che in passato è risultato non fossi à la page con le bacche di goji, la mia Addetta Stampa ha pensato bene di farmi fare un corso di aggiornamento in rimedi grandonnistici e mi ha regalato un brick di acqua di cocco. “Latte di cocco, vorrai dire” direte voi (come dissi io). No no, proprio acqua di cocco. A quanto pare va per la maggiore e, come ogni rimedio alla moda, è un toccasana per qualsiasi cosa. Soprattutto mi è stato detto che era ottimo per reintegrare post palestra. Premesso che non è che mi ammazzi così di fatica da dover reintegrare chissà cosa, una sera l’ho provato. Che dire? Buono, sa di cocco (ma vaaaa?). Però non è che abbia notato così tanti benefici. Forse avrei dovuto provarlo più di una singola volta…

Manuka honey

Arrivano i primi freddi e con essi i soliti mali di stagione. Diventa quindi d’attualità un souvenir che sotto diverse forme ho portato dalla Nuova Zelanda: il Manuka Honey o, se preferite la versione italiana, il Miele di Manuka. Per una descrizione più precisa vi mando per esempio a questa pagina, io brevemente vi dico che è un miele mono fiore prodotto principalmente in Nuova Zelanda e che ha particolari poteri antibatterici, antinfiammatori e cicatrizzanti. Sui vasetti è indicato il potere antibatterico in base ad una scala adottata dai produttori. Lo portai in vasetti (ne ho preso pure per me) o in stick per labbra. Il feedback di entrambi i prodotti finora e molto positivo. Lo trovate anche in negozi online e in catene bio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: