Archivi Blog

L’indignazione del popolo degli onesti

Il voto italiano ci ha (o ci avrebbe) riportato un paese che dice no ai vecchi intrallazoni, ai furbetti, a quei ladri dei politici.

Bene. Passano due giorni e quello stesso popolo di onesti elettori, traditi da una classe politica corrotta, si indigna perchè Spotify gli ha bocciato tutte le app che consentivano di sfruttare abusivamente le funzionalità premium.

Lo dico da sempre: vi credete così meglio dei politici? Se scavalcate i tornelli del metrò (impugnando il vostro iPhoneX), se usate app pirata per non pagare Spotify, se scaricate le serie Tv e la musica con sistemi illegali, perchè una volta messi in una posizione di potere, dovrei pensare che sareste meglio di loro?

Non stiamo parlando di gente che non arriva a fine mese e ruba le scatolette al supermercato. Parliamo di Spotify. Vi indignate pure?

Sarò fesso io che pago Netflix (Spotify no perchè lo uso pochissimo e ho la free), che le poche canzoni che scarico le prendo da iTunes, che pago regolarmente l’abbonamento extraurbano dell’Atm. Però preferisco essere fesso che far parte di questo popolo d’indignati per Spotify.

Sorgente: Spotify dichiara guerra alle app craccate e gli scrocconi si vendicano – Repubblica.it

PS: se proprio ritenete che Netflix e Spotify siano troppo cari, sapete che potete dividere la spesa, in modo legale, con amici ma anche con sconosciuti? Basta una ricerca su Google.

Annunci

Una canzone e ti svolta la giornata

La giornata scorreva incasinata e bigia. Poi Spotify ha pensato bene di passarmi questa canzone… e tutto svolta al meglio. Proprio tutto no, almeno l’umore.

Dilemmi musicali (anni 90) del sabato mattina

Uno è alle 8.45 del sabato mattina alla sua scrivania. Per aiutarsi nella concentrazione, mette su spotify. Una bella playlist degli anni 90.

A quel punto sorge un dubbio: Eagle Eye Cherry è noto come fratello di Neneh Cherry o Neneh Cherry è nota come la sorella di Eagle Eye Cherry?

Io voto per la prima.

Back to Spotify

Oggi ho riaperto Spotify. A giudicare dalle playlist, non lo facevo dal 2015. Fa una certa impressione ritrovare canzoni che avevo dimenticato o altre, come quella che vi metto qui sotto, che ascoltavo sempre in un certo periodo, dandogli una certa accezione.

Di acqua ne è passata sotto i ponti.

Per fortuna!

The Vaccines – If you wanna

Ho scoperto per caso The Vaccines su Virgin Radio, sentendo la loro Teenage Icon. Mi sono piaciuti subito moltissimo e così mi sono preso un paio di loro cd. Oggi vi propongo una delle loro canzoni che mi piace di più, nonché quella più ascoltata su Spotify: I you wanna

Bella melodia. Bel testo 😉

Suggestioni musicali social

Ogni tanto, seguendo quello che ascoltano i nostri amici si fanno delle belle scoperte. Non ringrazierò mai abbastanza il mio omonimo rhodense per avermi fatto conoscere John Fogerty e da oggi devo ringraziare un’amica che, su Spotify, ascoltava Caro Emerald. L’album non è nuovo, è del 2010, ma devo dire che sono entrato veramente in loop. Sarà che in questo periodo sono molto jazz swing.

 

Ingiustizie su Spotify

No, non mi lamento del servizio offerto da Spotify (anzi…), però stamane notavo una cosa sul numero dei follower dei profili ufficiali.
Scusate ma già non riuscivo ad accettare che John Fogerty avesse circa 37.000 follower e Lady Gaga quasi 900.000… figuriamoci quando ho scoperto che anche Springsteen è dietro con quasi 600.000.

Purtroppo alla mancanza di gusto non c’è una cura.

 

Ps come c***o mi mangio le mani per essermi perso l’Hard Rock Calling 2012… Fogerty e Springsteen con un solo biglietto…

Ho imparato ad usare Spotify

Qualche tempo fa scrivevo che non mi ero mai avventurato nell’utilizzo di Spotify, pensando un servizio in linea con molti altri del genere. In linea teorica è così. Senti delle canzoni e ti consigliano in base agli ascolti altri brani che dovrebbero piacerti. Però di sicuro lo fa molto meglio e in modo molto più completo rispetto alla concorrenza. Su pc poi è completamente gratuito, devi sopportare solo qualche spot, mentre invece su iphone e ipad si deve sottoscrivere un abbonamento (mi guardo bene di fare).

Sempre rispetto ad altri servizi similari, la base di musica disponibile è praticamente illimitata e di ottima qualità.

Vi lascio con un playlist che ho creato. Buon ascolto.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: