Archivi Blog

Sempre di mercoledì

C’è chi odia il lunedì (vedasi la prima canzone qui sotto), c’è chi si lamenta che certe cose succedano solo di domenica (e qui si passi al secondo video). Io da qualche mese mi sto rendendo conto che le grane saltano sempre fuori il mercoledì, anche e soprattutto al lavoro. Neppure oggi è stato esente da questa spiacevole ricorrenza. Tanto fra poco è giovedì.

Il pranzo della domenica del M.I. Single

Stamattina YdR mi ha convinto a fare un giro tra piazza Gae Aulenti e Eataly. Ho accettato e ho deliberato subito che mi sarei acquistato quanto avrei cucinato poi a pranzo. Il menù è quindi stato: pomodorini secchi sott’olio, da spiluccare per antipasto con della stracciatella di bufala, poi hamburger di coniglio grigio di non so dove con spadellata di zucchine (dell’esselunga…) con pomodoro e curry. Infine del gelato fatto in casa che mi è avanzato da ieri. Volevo mettervi anche le foto ma siccome la descrizione è meglio dell’aspetto, evito.

Cortili aperti

Domenica ho avuto una giornata molto intensa, anche se un po’ solitaria. Alzato alle 8, mezz’ora dopo ero votare e quindi colazione nel bar inspiegabilmente trendy di Pero. Palestra e quindi rotta verso il centro, con lo zaino della reflex in spalla. Dopo un brunch da ostellobello, uno posto al mondo in cui mangiare da solo non mi crea (quasi) nessun problema, sono andato alla basilica di San Vittore al corpo, dove doveva esserci una salita straordinaria al campanile. Peccato che questa volta le notizie reperite su internet fossero poco attendibili. Poco male, mi restava un’altra meta: i cortili aperti in via Borgonuovo, in zona Brera.

Questo evento, organizzato da ASDI e CittaNascosta Milano invece è stato di somma soddisfazione. Dietro alle austere facciate dei palazzi della zona, si nascondono delle vere e proprie chicche. Mi ha particolarmente impressionato Palazzo Orsini, ora sede della Giorgio Armani Spa. Una decina di cortili aperti solo per l’occasione, un’evento che i milanesi fortunatamente non si sono lasciasti sfuggire, affollando la zona. Complice il bel tempo, non sembrava neppure di stare a Milano. O meglio, non sembrava la Milano che la maggior parte della gente ha negli occhi e nella testa. Un vero peccato per chi se l’è perso!

Per l’occasione era aperto anche il Giardino Botanico di Brera ma di quello vi parlerò a parte.
1503232_10152415432539144_5182639891399715227_n 10245433_10152415431419144_1232591151538326332_n 10314528_10152415431264144_8948908455021999843_n

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: