Archivi Blog

Certi siti servono solo per scopare

Scusate il titolo un po’ ad effetto ma, se ci pensate bene, è l’opinione comune che circola in merito a certi siti/app per incontri tra single. 

Certo, per alcuni è proprio così (o anche peggio… visti quelli dedicati a promuovere escort o incontri extraconiugali) ma per molti altri dipende sempre dall’uso che se ne fa e demonizzarli in toto è sbagliato.

Sono figli dei nostri tempi ed io non ho mai trovato particolarmente strano conoscere persone così (non solo ragazze, penso anche a diversi amici ai tempi delle bbs o il club di possessori di Pt Cruiser a cui sono iscritto).

Sabato sera era ad una cena tra amici. Ci siamo seduti a tavola e ci siamo resi conto di una cosa. Una coppia è spostata, un’altra ha fissato la data e Mrs Puck ormai è abusiva nel Granducato di Pero da qualche mese. Tutte e tre le coppie si sono formate nella stessa chat (che pure ha un nome abbastanza ambiguo): Adotta un ragazzo. Sito che tra l’altro è internazionale e, come già ne scrissi, è molto diffuso anche in Francia.

Diciamo che le chat non sono per forza il demonio. Anzi.

logo-pdf-pages

Annunci

Risate a cinque stelle

Temo che il titolo del post diventerà un rubrica, intanto godiamoci la notizia di oggi. Le fonti sarebbero Adnkronos e Oggi (soprattutto la prima confermata).

Partiamo dai fatti: Di Battista, esponente di spicco dei M5S è di nuovo single. Passando poi al gossip, pare che la rottura sia dovuta al fatto che la ragazza non fosse gradita al suo staff, poichè aveva troppa influenza su di lui.

Prendiamo per vera la cosa e mi chiedo: è peggio che la sua ragazza abbia tanta influenza su di lui da farla ritenere sgradita al suo staff o che il suo staff abbia tanta influenza su di lui da convincerlo a troncare una relazione?

Sorgente: Di Battista di nuovo single, la ragazza non gradita allo staff | LineaPress.it

Si impara più da una sconfitta che da mille vittorie

 In cucina non sono una cima. Con questa grande verità, in rima quasi baciata, parliamo del mio primo esperimento con le Mug Cake. Mia cugina, che a livello culinario è su un’altro emisfero rispetto a me, mi ha di recente illuminato su questa tipologia di dolce. In pratica sono piccole torte monofase da cuocere in un paio di minuti in forno a microonde. Lei pensava di darmi suggerimenti per eventuali future cenette romantiche che dovessi avere. Io, molto più pragmaticamente, l’ho visto subito come un intrigante dolce da single. Compro quindi su amazon un ricettario e mi cimento. Peccato che il libro fosse con le dosi espresse in unità americane: cucchiai e tazze. Sembrano dosi spannometriche ma in realtà sono molto precise ed esistono appositi dosatori (che ora mi sono comprato, vedrete perché, sempre su amazon). Parto allora facendo le dosi un po’ a occhio, cosa che può andar bene nella cucina ordinaria ma che è fallimentare in pasticceria. L’ho capito quando ho messo a cuocere il dolce… Ottenendo il risultato che vedete nella foto. Ora, coi misurini, ci proverò di nuovo… 

Adotta un ragazzo. In salsa francese

Adotta un ragazzo è una Chat per single che va molto qui a Milano. La sua forza sta nel lasciare, in teoria, il pallino in mano alle donne. Il sito non nasce in Italia. Credo sia francese e qui a Parigi è così radicato che la campagna pubblicitaria, che vedete in foto, non ha neppure bisogno di mettere il nome: solo il logo/icona. Come se fosse universalmente conosciuto.img_8014

Quando una gnocca puo’ farti diventare misogino

Sono articoli come questo che mi fanno tendere alla misoginia. Leggetelo e poi ne parliamo:

Sorgente: Perché viaggiare da sola ha rovinato la mia vita sentimentale | Alyssa Ramos

In pratica un Mangia, Prega, Ama applicato ai viaggi ma dalla classica posizione di forza di una che non deve mai aver avuto problemi ad avere spasimanti. Buona parte delle cose che ha “imparato” trasudano luoghi comuni e soprattutto riporta un’esperienza che non possono certo fare tutti. Queste esaltazioni della vita da single non le capisco proprio, probabilmente perché sono totalmente lontane dal mio essere e i miei (lunghi) periodi single non li vivo certo come i momenti più intensi della mia vita…

Poi alcune parti sono davvero esilaranti, come quella in cui parla (lamentandosi) che su Tinder si conoscono solo stronzi. MA VA???

Viaggiare mi piace e mi piacciono le persone che viaggiano ma qui il concetto che si vuole far passare è ben diverso…

No guarda, l’ennesima “firma” dell’Huffington che mi allontana sempre più da questa fonte.

2015-09-22-1442941577-3438128-zionheart-thumb

Vizi natalizi

Ammettiamolo. Non sono un tipo molto portato per certe attività manuali o comunque artistiche. Ammettiamo pure che in alcune cose sono abbastanza viziato. Le due cose si sommano e trovano la loro massima espressione in un particolare frangente: l’albero di Natale. Non ricordo più da quanti anni non me lo faccio da solo. Il tutto cominciò due ex fa. Lei aveva una certa vena artistica. Vedendomi sparacchiare le palle sull’albero così a caso prese in mano la situazione. La cosa proseguì anche dopo la nostra rottura al punto che un anno venne a Milano solo per farmi l’albero. Con queste premesse, non fu difficile convincere anche l’ultima ex. Arriviamo all’anno scorso quando, in piena fase di lutto imbruttito, non feci l’albero ma solo il presepe. Siamo a ottobre… Ho due mesi o per trovarmi una fanciulla che rinverdisca la tradizioni o per trovare la voglia di farmelo da solo.

Non ce la posso farcela

No. No. No. Già da tempo sostengo che la cosa più odiosa, nella sua inutilità, quando si legge un profilo femminile su una chat è trovare nella descrizione l’aggettivo “solare”. In questi giorni mi sono imbattuto in un profilo che sposta tristemente l’asticella dell’agghiacciante ad un livello inarrivabile pure per Sotomayor e colleghi.
Nella sua descrizione svettava come titolo la seguente frase:
“Solarità è la mia parola chiave”
Ecco, se quella è la sua parola chiave, la mia è “blocca”.
Ok ok come lunedì mattina avete capito che parto bello carico.

Il pranzo della domenica del M.I. Single

Stamattina YdR mi ha convinto a fare un giro tra piazza Gae Aulenti e Eataly. Ho accettato e ho deliberato subito che mi sarei acquistato quanto avrei cucinato poi a pranzo. Il menù è quindi stato: pomodorini secchi sott’olio, da spiluccare per antipasto con della stracciatella di bufala, poi hamburger di coniglio grigio di non so dove con spadellata di zucchine (dell’esselunga…) con pomodoro e curry. Infine del gelato fatto in casa che mi è avanzato da ieri. Volevo mettervi anche le foto ma siccome la descrizione è meglio dell’aspetto, evito.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: