Archivi Blog

Libri al buio

L’altro giorno, cazzeggiavo in pausa pranzo alla Feltrinelli di piazza Piemonte e sono rimasto incuriosito dall’originale iniziativa che vedete in foto. In pratica hanno impacchettato dei libri e hanno scritto una breve sinossi sulla carta. Sta a voi decidere se solo da quello, senza copertina, titolo e autore, il libro vi può interessare. Premiante anche la scelta della carta da pacco e della scritta a mano. Se non avessi già acquistato un libro in settimana (chissà quando lo acquisterò).

Cartelle, zaini e trolley 

Oggi guardavo un gruppo di bambini delle elementari andare a scuola. Quando iniziai le elementari io, si usavano ancora le cartelle. I lacci per metterle in spalla erano studiati da ex funzionari delle SS per provocare il maggior dolore possibile. Poi sono arrivati gli zaini, dagli Invicta in poi. Ora invece vanno per la maggiore gli zaini trolley, dove i poveri bambini non portano più nulla in spalla. Non so quanto sia corretto, posturalmente parlando. Tra uno zaino caricato correttamente su due spalle e un trolley tirato sempre dallo stesso lato, non so cosa sia peggio. In fondo non si parla di scaricare carbone in miniera… personalmente ho uno zaino trolley per i weekend lunghi e lo trovo decisamente più comodo del trolley classico, appunto per il fatto di poterlo portare in spalla.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: