Archivi Blog

Haters vs Algoritmo

L’altra settimana è successa una cosa stranissima. Come molti di voi sapranno, condivido automaticamente i post del blog sulla mia bacheca personale di Facebook e sulla pagina del medesimo social network dedicata al blog. Nell’arco di un’ora, i solerti dipendenti di Zuckemberg hanno rimosso due miei post, considerandoli spam, e inviandomi la relativa segnalazione. Non credo, vista la fuffa che gira sulle bacheche, che sia stato un automatismo generato da qualche algoritmo. Più probabile che la cosa sia avvenuta dopo la segnalazione da parte di qualcuno. Ho un haters??? Possibile… che figata!

Annunci

Il ricco zio d’america (o zone limitrofe)

imprevistiC’era una volta il vecchio Monopoli. Lì, non ricordo se tra le carte degli imprevisti o delle probabilità, c’era quella per la quale ereditavate da un vecchio zio d’America.

In genere il mio server filtra bene spam e phishing e quindi le richieste delle ucraine perdutamente innamorate di me o degli amici rimasti bloccati all’estero che mi chiedono dei soldi.

Oggi invece è passata tra le maglie questa mail, il cui testo mi ha strappato un sorriso.

Il mio nome è Advocat Raphael Ajavolol. Io ero l’avvocato personale Per Dott.Antonio COSTANTINO, che è morto a seguito di incidente stradale (maggio la sua anima riposi in pace). Con la presente cerco il tuo consenso per presentare il vostro nome come parente più prossimo al COSTANTINO, in modo che voi ed io possiamo ereditare il fondo depositato attraverso il mio aiuto. Il valore monetario 17,5 milioni di dollari è stato depositato da COSTANTINO, prima della sua morte improvvisa. Si prega di tornare a me se volete maggiori dettagli su questo caso.

maggiamo tutti che la sua anima riposi in pace.

Zio Adolf mi scrive

In genere non perdo tempo con spam e cavolate varie, anche perché almeno sulla mia mail personale (gmail) ho un buon filtro e ne vedo davvero poche. Sul dominio dell’ufficio le maglie del provider sono più larghe è così su qualcosa devo pensarci io. Ammetto che quella che vi riporto qui sotto l’ho trovata particolarmente fantasiosa, soprattutto perché va a stimolare la frangia più complottista (e quindi credulona?) del pubblico.ScreenHunter_15 Sep. 22 16.32

Cosa sarebbero i telegiornali senza…

Cosa sarebbero i telegiornali senza il web? Già scrissi in passato di come ormai buona parte degli articoli di nera abbiano almeno un’appendice con quello che vittima o carnefice pubblicavano suo social network. A questo aggiungiamo che sempre più spesso di fa ricordo a filmati fatto da privati con gli smartphone. In occasione di questo mondiale notavo una triste tendenza delle testate online di fare i servizi “ironia sul web”. In pratica ogni volta che succede qualcosa su cui è facile fare battute già i social network su popolano di battute, immagini sistemate ad arte e sottotitolato, meme vari. Ora anche se uno si impegna ad eliminare gli spammatori dai propri amici non si salva: arrivano i famigerati servizi/articoli “ironia dal web” che ci raccolgono il meglio, si fa per dire, e lo ripropongono. Che gioia!

Vincere la battaglia con lo spam: si puo’!

Tempo fa ho iniziato una certosina operazione di deregistrazione a tutte le newsletter ed email pubblicitarie che non mi interessavano. Pensavo fosse una battaglia persa e invece, complice il fatto che i filtri antispam di operatori e client funzionano meglio, ho quasi azzerato l’email indesiderate. Un sogno. Forza! Basta solo un po’ di buona volontà ma ce la potreste fare anche voi.

Puck batte Spam 2-1

Qualche giorno fa vi scrissi che avevo deciso di perdere un po’ di tempo a cliccare sui vari link “unsubscribe” delle infinite email che mi arrivavano. C’era chi mi aveva etichettato come un illuso e anch’io non mi facevo grandi illusioni. Invece devo dire che la cosa ha funzionato. Ovviamente lo spam vero e proprio arriva sempre ma almeno le newsletter inutili le ho cassate quasi tutti. Spendeteci un po’ di tempo anche voi e non ve ne pentirete.

Combattere i mulini a vento: le mailinglist

Ci sono le (numerose) email di spam e per quelle, filtri della posta indesiderata a parte, c’è poco da fare. Poi però ci sono tutte quelle email che riceviamo perché nel corso del tempo ci siamo registrati a qualche sito e siamo entrati nel loro diabolico meccanismo commerciale. Oggi ho deciso di combattere una battaglia persa e mi sono messo a cliccare sull’apposito bottone, che dovrebbe sempre esser presente per legge, per disiscrivermi. Mi sento tanto come uno che combatte contro i mulini a vento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: