Archivi Blog

Non solo blog: i miei scritti estivi

Quest’anno, tra uno sclero lavorativo e un altro, sono riuscito a scrivere non solo per il mio blog. In particolare sono tornato a fare qualche pezzo per Gamesurf e, dopo il successo del mio primo articolo, ho pubblicato anche due brevi scritti su LegaNerd.

Per chi se li fosse persi, vi rimetto i link:

LEGANERD
Joystick, cacciaviti e fusibili: le vacanze del nerd anni 80
Openfeint: quando Apple si fece trovare impreparata

GAMESURF
Le tour de France 2016 – Recensione Ps4
Dino Dini’s Kick Off Revival – Recensione Ps4
Brain Training tiene davvero giovane la mente? – News

Joystick, fusibili e cacciaviti: le vacanze dei nerd anni ’80 #LegaNerd

Il mio egocentrismo e la mia nostalgia per “i bei tempi” dei videogiochi hanno fatto un altro danno: è uscito il mio terzo articolo su LegaNerd. Anche se il successo di pubblico del primo pezzo è lontano (del resto era un racconto su cui lavorai molto e a cui tengo ancora molto), devo dire che di questo ultimo nato. In pratica è un racconto su cosa voleva dire per un nerd anni 80 partire per le vacanze con il suo “carico” da video giocatore. Il revisore ha cambiato alcune cose, prima di tutto il pezzo, ma lo spirito è rimasto quello che volevo io. Buona lettura

Sorgente: Joystick, fusibili e cacciaviti: le vacanze dei nerd anni ’80 #LegaNerd

OpenFeint: quando Apple si fece trovare impreparata #LegaNerd

Su LegaNerd è andato alle stampe un altro mio articolo. In questo caso raccontavo (brevemente) la parabola di OpenFeint, una piattaforma di social gaming che anticipò il GameCenter.

Sorgente: OpenFeint: quando Apple si fece trovare impreparata #LegaNerd

Il mio pezzo su RetroEdicola Videoludica

Tempo fa scrissi un pezzo per Lega Nerd che ebbe anche un discreto successo e giovò non poco al mio ego. Poco dopo un amico che cura una sito dedicato alle riviste videoludiche degli anni 80 e 90 mi chiede il permesso di inserire quel pezzo in un numero della sua rivista. Ora quella pubblicazione è uscita (anche cartacea). La versione online è consultabile, previa registrazione, a questo link:

RetroEdicola Videoludica.

Per i più pigri di voi, riporto anche il link all’articolo su Lega Nerd

Ode ai debufalatori

Nell’era di Facebook, le bufale non sono all’ordine del giorno. Di più. Più volte ne parlai in passato (la mia pietra filosofale resta questa) ma oggi vorrei spendere due parole per dei Don Chisciotte moderni: chi dedica il suo tempo libero al servizio di pubblica utilità di smentire le bufale. Ci sono diversi siti di questo tipo e forse potranno sembrare inutili ma non lo sono. Chi, come me, vuole ribattere a chi crede a tutto ha spesso così le risposte pronte. Le bufale sono più dannose di quanto si creda perché creano confusione, false convinzioni e spesso fomentano l’odio verso un gruppo etnico o sociale. Smentire le bufale dovrebbe essere un dovere morale di tutti.

In particolare vi segnalo:
Bufale un tanto al chilo
LegaNerd – Bonsaikitten

Nonsoloblog

Ho sempre scribacchiato in giro, anche se ormai la mia “pubblicazione” principale è il blog.

Purtroppo da troppo tempo non sono più attivo con le mie recensioni videoludiche su Gamesurf. In compenso di recente un mio articolo ha avuto un discreto successo su LegaNerd (mi pare ve ne parlai). Di recente ho iniziato la collaborazione con il sito di un amico giornalista, ve ne consiglio la lettura soprattutto se abitate tra Milano e Varese: il fuoriporta.

Spero di impreziosire presto questo elenco con altre collaborazioni. Vediamo.

Mercatore: Reprise

L’altro giorno vi segnalavo l’articolo di Lega nerd sulle mappe di Mercatore e sulle loro imprecisioni

L’ingannevole mappa di Mercatore #LegaNerd.

Oggi Google  in occasione del 503esimo anniversario della nascita, gli dedica il classico Doodle. Che poi rimanda come di consuento alla pagina dei link, questa. Buona lettura

Pillole per l’ego

Sono sempre diffidente nei confronti dei complimenti ma se c’è un argomento sul quale sono più incline a pavoneggiarmi (a torto o a ragione) E per il quale posso “accettare” complimenti è lo scrivere. Lo so, faccio tanti errori di battitura (in parte per colpa dei correttori automatici) e metto la punteggiatura un po’ ad minchiam, ma è così. Di recente ho avuto due situazioni che mi hanno fatto entrare in modalità Super Self Confident. Prima di tutto il Meglioli ha pubblicamente ringraziato per l’apprendimento del suo lavoro che ho mosso da queste pagine. Il che, forte di un rimando diretto dal suo sito, ha incrementato non poco le visite per un paio di giorni. Più articolato e motivato il vanto per un’altra situazione. Da tempo avevo l’idea di scrivere un ebook sulla mia esperienza di recensore di videogiochi negli anni d’oro di quel settore. Il progetto alla fine non era fattibile perché non avevo abbastanza materiale. Il primo brano che scrissi l’ho però trasformato in un articolo che è stato pubblicato su Lega Nerd. Ha avuto un discreto successo e soprattutto i commenti mi hanno dimostrato che sono riuscito a trasmettere quello che mi ero prefisso. Per chi non l’avesse ancora letto: Scrivevo col C1 text. Insomma, ad autostima in questo periodo sono messo bene. Almeno nelle facezie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: