Archivi Blog

Tre cose che apprezzo delle pinte australiane

Mi è capitato, giusto un paio di volte, di ordinare delle pinte di birra in giro durante la giornata. Dal locale pettinata, alla roadhouse nel nulla, ho potuto apprezzare tre cose:

1) tengono sempre i bicchieri in frigorifero, cosa che da noi non fa praticamente nessuno.

2) danno pochissima schiuma, come piace a me

3) fanno sempre le pinte rase, fin troppo!

Annunci

La mafia delle coppiette: honeymoon (in Australia) edition

Dopo esser stato ammesso alla mafia delle coppiette ed aver avuto l’upgrade con il matrimonio, con il viaggio di nozze in Australia ho conseguito il master finale. Sì perchè, diciamocelo, non è stata la scelta più originale del mondo… ma chissenefrega! Fatto sta che il 90% (abbondante) degli italiani incontrati, sono state coppie con gli anelli ancora sbirluccicanti. A volte i tour sono diversi ma tante volte no, quindi magari, per più tappe di fila o a distanza di giorni, si rivedono le stesse facce (“le solite facce”, direbbe YdR). A volte ci si saluta, a volte ci si ignora (se a pelle ci si sta già sulle palle o se si è un po’ timidi) a volte ci si intrattiene in qualche chiacchiera.

A volte però si va oltre, come capitato a Mrs Puck e me al tour “a night at field of light”. Nella prima parte della serata, un aperitivo in piedi guardando il tramonto illuminare Uluru (già noto come Ayers Rock) ci siamo ritrovati a chiacchierare con una, poi due e alla fine con tre coppie di altri lunadimielisti italiani. Visto che poi siamo stati fortunati ed erano tutte coppie simpatiche, si è deciso di fare tavolo assieme alla successiva cena sotto le stelle. Per fortuna, perchè la cena è stata abbastanza lenta e se fossimo capitati con altre nazionalità, mi sarei fatto discretamente due maroni così.

Mentre vi scrivo

Mentre vi scrivo, da un distinto hotel Ibis Stiles nella ridente cittadina di Katherine, un non meglio imprecisato animale scorrazza tra il soffitto del nostro bungalow e il sovrastante tetto. Ora si è fermato e sembra stare mangiando qualcosa (o rosicchiando qualcosa). Ignoro totalmente che tipo di animale sia. Però ha le zampe e questo è già qualcosa. Se non ci ammazza nel sonno, ci sentiremo nei prossimi giorni. Vi ho voluto bene.

Uno a destra. Uno a sinistra.

In genere, nel nostro viaggio australiano, non abbiamo avuto la percezione di pericolosità. Se non in una città: Alice Springs. Seconda città per grandezza dei Northern Territory, in realtà conta circa trentamila abitanti. Arrivando abbiamo notato dei sobborghi non proprio edificanti e, spiace dirlo, erano le zone abitate dagli aborigeni. Paragonate a certe riserve indiane viste negli States, diciamo che mi pare se la passino peggio. Il nostro albergo aveva un parcheggio con cancello a codice di sicurezza. Peccato che il numero di posti disponibili fosse inferiore (di gran lunga) a quello delle stanze. Ecco che quindi, controvoglia e nonostante alla reception una incaricata, un po’ stordita, ci avesse avvisato che non fosse sicurissimo, abbiamo lasciato l’auto in un parcheggio a circa dieci metri dalla porta dell’hotel. Non eravamo tranquilli. Prima di andare a dormire siamo passati a controllare. Oltre alla nostra c’erano tre auto e sembrava tutto tranquillo. La mattina, alle 6, prima di colazione, sono passato a ricontrollare. Ho notato dei vetri per terra vicino alla macchina a fianco alla nostra ma erano di una effrazione precedente. Dopo colazione siamo tornati per caricare l’auto e… quelle parcheggiate alla nostra destra e alla nostra sinistra avevano il finestrino saltato. Per una volta ci è andata bene (o forse la mia prima uscita ha evitato guai peggiori)

Paese che vai, SIM che trovi

Ok, in Europa ormai il roaming è libero da costi aggiuntivi e quindi si viaggia tranquillamente con la propria sim e il proprio piano dati. Quando però si va all’estero, per periodi discretamente ampi, ritengo che acquistare una sim locale sia sempre consigliabile. L’avevo fatto in Georgia e l’ho fatto con somma soddisfazione pure quest’anno. Offertone in aeroporto. L’equivalente di 20 euro, 25giga da utilizzare in un mese (che, considerando i Wi-Fi in albergo, basta e avanza) e sono a posto. Fortemente consigliato.

Il mistero del fuso orario di Mount Gambier

Oggi siamo arrivati a Mount Gambier. Per farlo, abbiamo cambiato stato all’interno della confederazione australiana. Al giorno d’oggi, i cellulari aggiornano automaticamente l’ora locale con i server dei propri operatori. Se fino ad ora avevamo 8 ore di differenza con l’Italia (se qui erano le 16, in Italia erano le 8 di mattina), adesso la differenza è solo di sette ore e mezza. La cosa è confermata anche dall’orologio nella stanza d’albergo e da una ricerca su internet a proposito dell’orario ad Adelaide.

Ammettiamo la nostra ignoranza, non sapevamo ci fossero i fuso orario di mezz’ora…

Come ti smaltisco il fuso in tempo zero

Mentre i telegiornali italiani si prodigano di suggerimenti per assorbire il cambio tra ora solare e ora legale (che in fondo è un fuso di un’ora), noi stiamo gestendo otto ore di fuso dopo… non lo so quante ore di viaggio abbiamo fatto. Il bello è che siamo atterrati alle 7 di mattina e, dopo aver girato in lungo e in largo la città (quasi sempre a piedi) siamo rientrati in stanza verso le 17. Alle 19 eravamo già fuori per una cena con la cugina di Mrs Puck, altra passeggiata e rientro in stanza per le 23. Inutile dire che abbiamo dormito fissi fino alla 9 di mattina. Un errore da principianti sarebbe cadere nella pennica del secondo giorno: per fortuna abbiamo una giornata bella piena anche oggi.

Milano – Sidney: spigolature

Per la serie”noi peones”. L’agenzia ci ha fatto avere il fast track e l’ingresso alla lounge “via milano”. Noi diciamo “ok, mangiamo qualcosa e poi andiamo. 17 euro per due menù Spontini serviti da una tipa scelerata dal capelli blu. Saliamo alla lounge: buffet gratuito. A essere peones e non sapere ste cose…

In volo mi grazie recupero “L’ora più buia” e provo a vedere (addormentandomi) “Morto Stalin se ne fa un altro”, scoprendo che il titolo italiano è migliore di quello originale (letteralmente La morte di Stalin)

Arriviamo a Dubai: ore 6 del mattino. 35 gradi e nebbia. Niente da dire, bel clima.

Ora un caffè e si fanno altre dieci ore circa di volo…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: