Archivi Blog

Cinema Apollo: era solo questione di tempo

Lo si sapeva da mesi. Ormai credo fosse più di un anno. Il cinema Apollo, storico multisala centralissimo, specializzato in film non proprio per il grande pubblico, ha chiuso. Sono iniziati i lavori che, al suo posto, porteranno il nuovo Applestore milanese. Il tempo dell’indignazione dei più è ormai passato e la cosa è passata quasi in sordina.

Anche a me, in fondo, è dispiaciuto ma non riuscivo ad andarci più di un paio di volte l’anno.

La dura legge del mercato? Probabilmente potremmo metterla così… Fatto sta che a Milano ora sarà più difficile trovare sale che proiettino film un tantino più difficili.

Un giro verso Expo

Nella giornata in cui risalta la notizia che il villaggio dei lavoratori di Expo (che non è quello in cui soggiornavano i delegati) sarà adibito a campo profughi, mi sono fatto un giro verso Expo. Ero per caso alla stazione ferroviaria di Rho Fiera e mi sono fatto un giro. La prima buona notizia è che non è una cattedrale nel deserto. Del resto era attiva anche prima dell’evento e ha un buon giro di pendolari che la usano. Ricordo a chi non è della zona che è ben lontana dal centro abitato di Rho, che ha una sua stazione. La cosa negativa è che l’alta velocità non ferma più qui e binari dedicati restano tristemente chiusi. Mi sono quindi avvicinato all’ingresso di Expo, passando tra gli uffici di lavoro temporaneo ormai vuoto. I lavori di smantellamento procedono è appunto per questo non ci si può avvicinare troppo. Giusto la pomposa uscita della stazione, tanto ampia per accogliere il flusso di persone, si può vedere in lontananza. Speriamo i lavori per il post Expo inizino presto.

 

Il mese delle inaugurazioni

il primo maggio parte Expo. Il che vuole dire che oltre al sito espositivo, questo mese dovranno sparire tutti i cantieri in giro per Milano e venire inaugurate tutte le opere. Ecco un po’ di cose sparse che attendo:

– galleria Vittorio Emanuele ripulita anche nella facciata

– la linea 5 fino a San Siro

– la nuova Darsena, che è già aperta ma che non ho ancora visto

– le opere viarie della mia zona per i collegamenti ad Expo. Soprattutto via Gallarate finalmente libera e il sottopasso di Molino Dorino. Se poi aprissero anche il grande incompiuto sottopasso da viale Scarampo a piazzale Accursio sarebbe una bella sorpresa.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: