Archivi Blog

Starbucks e quei simpaticoni del Codacons

Cose esiste a fare il Codacons? Me lo chiedo ormai da parecchio tempo, da quando mi sembra che, più che cercare l’interesse dei consumatori, cerchino solo le luci della ribalta mediatica. Sì, perchè nell’era del sensazionalismo, del populismo e delle fake news, loro ci sguazzano proprio a meraviglia. I loro esposti sono ormai sempre più pretestuosi e strampalati. Dopo l’esposto con Burioni per la questione dei vaccini, ora se la prendono con Starbucks per i prezzi.

Si chiama libero mercato. Se loro vogliono far pagare 1,80 un caffè e 4,50 un cappuccino, sono liberissimi di farlo. Soprattutto se poi si trovano stuoli di soggetti disposti a fare la coda pur di entrare.

Sono prezzi fuori mercato? Sì. E’ nel loro diritto farlo? Altrettanto sì. Perché il preteso diritto (che quelli del Codacons vorrebbero difendere) di concedere a tutti di poter provare l’esperienza di Starbucks non sta né in cielo né in terra.

Io allora voglio veder difeso il mio diritto di provare un pranzo a Villa Crespi senza dover spendere più di 100 euro. Codacons, cosa aspetti a fare un esposto?

Annunci

M5 Metro lilla: apre Tre Torri sabato 14 novembre 2015

Sabato 14 novembre verrà inaugurata la fermata Tre Torri, l’ultima che mancava all’appello per la linea lilla della metropolitana milanese. Dichiarano che la linea è stata finita senza ritardi e senza extra costi. Qualcuno contesterà ma mi piace pensare che a volte le cose funzionino, anche in Italia. Poi io penso da tempo che Atm sia un’ottima società che offre un ottimo servizio. Qualche dubbio sulla reale utilità attuale di questa fermata, visto che delle tre torri del nome, una sta per essere completata, una è in costruzione e la terza è ancora sulla carta

Sorgente: M5 Metro lilla: apre Tre Torri sabato 14 novembre 2015

In car sharing fuoriporta

Ieri sera, leggendo un po’ distrattamente le notizie online, mi sono imbattuto in quelle piccoli grandi così che un discreto effetto pratica sulla tua vita possono anche averlo: il Car Sharing varca i confini di Milano e arriva in alcuni comuni dell’Hinterland. Già prima si poteva uscire con la macchina ma non la si poteva lasciare fuori Milano. Io che abito a Pero la dovevo lasciare a Molino e farmi un pezzo a piedi. La cosa mi piace molto perché permette di muoversi, soprattutto in notturna durante la settimana, con meno difficoltà.

Leggete la notizia completa su Milano Today

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: