Archivi Blog

Voglia di Wimbledon

Col biglietto del volo già in tasca, l’albergo prenotato ma (ovviamente) non il biglietto per entrare, la mia annuale febbre per wimbledon comincia a salire.
Per tenerla un po’ alta, ecco un bel siparietto di Fognini dall’edizione 2013.

 

2013 in review

Per chi fosse curioso, ecco il review di WordPress sul 2013 del mio blog. Si conferma che come al solito “tira più di un carro di buoi” 🙂

Here’s an excerpt:

The concert hall at the Sydney Opera House holds 2,700 people. This blog was viewed about 12,000 times in 2013. If it were a concert at Sydney Opera House, it would take about 4 sold-out performances for that many people to see it.

Click here to see the complete report.

Il Qr code invade l’artigiano in Fiera

Si è chiuso un altro anno di Artigiano in fiera. Se ne vanno per 12 mesi i trolley, le pajmine (ammesso si scriva così) e gli assaggi di anduja.
C’era qualcosa di nuovo quest’anno? Poco. Probabilmente la novità è stata più che altro telematica, col portale per poter acquistare dagli stessi produttori nel corso degli anni e i Qr Code che campeggiavano su ogni stand. Scusate se anche su questo argomento sono stato first mover già qualche anno fa 🙂

Artigiano in fiera: il trolley viene istituzionalizzato

Già parlando dell’Artigiano in fiera negli scorsi anni, parlavo della calata delle forzate del trolley. Ormai sembra un must andare alla fiera di Rho-Pero con un trolley da viaggio da riempire o con il giaccone o con gli acquisti. Gli organizzatori non sono stati con le mani in mano di fronte a questo fenomeno e così da quest’anno è possibile acquistare per 3 euro una sorta di trolley per la spesa usa e getta. Si tratta di una scatola di cartone con quattro rotelle, che una volta montato consente di essere facilmente trascinato. Due considerazioni personali: per uno alto come me non va bene, c’è da dire che però non sono certo il target di un oggetto del genere; ne ho visto più di uno con la maniglia (di cartone) subito rotta. Risultato: per me l’anno prossimo non lo ripropongono.

Il Natale quando arriva arriva

20131104-091724.jpg

Se settimana scorsa allo spaccio aziendale della Galbusera i panettoni non c’erano ancora, questa giro all’esselunga ha mostrato i primi dolci natalizi. Il primo novembre ormai come discriminante?
Fatto sta che io procedo con una certa solerzia nella missione regali: già quattro presi, di cui tre che vanno a coprire caselle di una certa difficoltà. Mi piacerebbe godermi lo spirito natalizio di dicembre senza ansie. Girare per fare foto a presepi e luminarie. Andare all’artigiano in fiera solo per strafogarmi (ok, questo è quello che in pratica faccio sempre…)

C’era una volta lo Smau

Ai tempi d’oro della vecchia fiera di Milano, parliamo quindi degli anni 80-90, ricordo lo Smau come una delle tre fiere più importanti, insieme alla Campionaria e al Macef. Io almeno ricordo soprattutto queste tre per la ressa in metropolitana quando erano in corso. Dall’adolescenza in poi, allo Smau sono anche stato direttamente interessato, per la mia passione tecnologica prima e per esigenze professionali poi. In Smau si andava per vedere le grandi novità informatiche e dell’automazione. Oggi questa fiera è vittima dei tempi. Tutte le notizie girano su internet e al massimo i commerciali vengono a domicilio a mostrarti tutto per filo e per segno. Resta l’attenzione giusto dietro qualche convegno. Ieri è iniziata l’edizione 2013 e, a parte qualche trafiletto sui giornali, non ce ne si rende neppure conto. Una volta in sto periodo eravamo tempestati di inviti per il giorno dei professionisti (che tra l’altro era sempre pieno di gente che professionista non era). Ora zero. Bei tempi andati.

Natale 2013: svegliarsi presto per andare a far pipì lontano

Svegliarsi presto per andare a far pipy lontano, è un modo di dire per simboleggiare uno che si sbatte inutilmente. Questo sono io con i regali di Natale. Sono già in fregola per trovare le idee e fare tutto prima che cominci la ressa, però sono conscio che come al solito per buona parte dei regali poi mi ridurrò sempre all’ultimo.

Comunque oggi ho ordinato su amazon il primo presente. I regali ispirati sono sempre i migliori. Spesso con una spesa anche contenuta si fa una figura migliore, perchè quell’oggetto l’hai pensato proprio per la persona a cui lo regali.

Progetto Wimbledon 2013

Nel 2011 io e il mio omonimo rhodense avevamo in tasca i biglietti per l’Hard Rock Calling. Prendemmo il volo un giorno prima del dovuto e su ticketmaster provammo a prendere i biglietti per Wimbledon. Ci riuscimmo.

Nel 2012 ci riprovammo, rischiando un po’. Prendemmo i biglietti dell’aereo con mesi di anticipo e poi, quando vennero messi in vendita i biglietti last minute (per la cronaca, gli unici possibili senza passare attraverso la lotteria, almeno su certi campi) provammo. Il venerdì ce la facemmo, il sabato no.

Quest’anno, orfano dell’omonimo, ho in programma di andare con altri quattro amici. La prima sessione di biglietti online, per la quale non nutrivo molte speranze, è andata male. La seconda è domattina alle 10. Vedremo.

Alla peggio stiamo pensando di svegliarci all’alba e provare a fare The Queue per il Ground Ammission, l’accesso a tutti i campi minori. Vedremo come andrà a finire… incrociate le dita per me.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: