Archivi Blog

Libero arbitrio

I Deputati devono essere burattini nelle mani della direzione del partito? Io direi proprio di no! Apparentemente questo post sembrerebbe parlare dei “traditori” del Pdl. Però io vorrei attirare l’attenzione su un caso che oggi passa decisamente più in sordina: i dissidenti del M5S. Attaccare e insultare chi vota con la propria testa, anche se contro al movimento a cui appartiene, è un comportamento democratico? A me non sembra proprio. Se la politica italiana (destra e sinistra) deve andare oltre il berlusconismo e l’antiberlusconismo, il M5S deve smettere di essere composto de Grillini

Il M5S presenta la sfiducia e attacca i suoi transfughi – Corriere.it.

Caro Grillo ti scrivo…

Caro Beppe Grillo ti scrivo. Ti scrivo perchè non capisco e, spero, come me non ti capiscano molti del M5S (di cui, è bene dirlo, non faccio parte).
Ho ascoltato le tue parole prima e dopo il voto. Soprattutto queste ultime mi hanno spaventato. Quando ti hanno chiesto dove vi sareste messi in parlamento, ha risposto qualcosa del tipo “dietro a tutti loro, per dargli degli scappellotti se non fanno come si deve”.

No Grillo, non si fa così. Tu dovevi dire che vi sareste messi davanti a tutti, per fargli vedere come si fa. Il primo partito italiano non puo’ limitarsi a distruggere ma deve fare.

Hai detto anche che l’inciucio Pd-Pdl durerà meno di un anno, durante il quale chiuderanno 1000 aziende al giorno. O mille in tutto. Non ricordo e non è questo che conta. Quello che conta è che se il primo partito italiano dimostrasse come si deve operare, magari di queste aziende ne chiuderebbe la metà.

Oggi Gargamella una cosa giusta l’ha detta: questo è il tuo paese, il vostro paese. Non potete chiamarvene fuori.

Lo scrivo da mesi: spero che i Grillini, anche se non amano farsi definire così, siano più responsabilit di te.

A me Albertini piaceva

…forse perchè era il meno Pdl tra i soggetti di centrodestra dell’area milanese. Oggi fanno tanto i moralisti per una sua battuta e viene ricordato il suo passato mutandato.

Albertini: «La Minetti si è dimessa? Ora la chiamerà Tinto Brass» – Milano.

PING! (post sulla gnocca per fare audience)

Dove Ping non sta per il tempo di risposta di un server ma… PING! …YdR…lo spieghi lei! 🙂

Comunque la settimana del mio blog è stata, come numero di visite, scarsina e quindi dovevo ravvivarla con qualcosa che riscaldasse gli animi. Pesante attacco alla casta o gnocca in bella vista? I due argomenti nel recente passato italiano sono spesso andati di pari passo e quindi quale sito migliore del TgCom, che da sempre ci regala perle di grande giornalismo, per trovare qualcosa per l’occorrenza? Ecco quindi un servizio di pubblica utilità sull’assessore regionale Minetti e sul suo… PING!

PS L’articolo secondo classificato nelle mie scelte, sempre dal tg.com, si interrogava sull’argomento che sta agitando la mia estate metropolitana: gli shorts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: