Archivi Blog

Una nottata difficile

Dev’essere stata una nottata difficile (in effetti ho fatto un sogno stranissimo di lavoro, in cui ero curatore di un fallimento di cui non mi ricordavo e andavo in panico da “non ho fatto tutte le incombenze”) se uno si sveglia la mattina con questa canzone in testa.

 

La grande truffa del SuperHD di Sky

Da un mesetto abbondante ho dato libero sfogo al nerd che è in me e ho cambiato televisore. Il 3D non mi interessava, lo schermo curvo non mi convince, sono così andato su un UltraHD (o 4k). Premesso che ormai un televisore del genere costa meno di quello che si pensi, ero conscio di due cose: 1) non ci sono ancora molte fonti 4k 2) anche i formati inferiori avrebbero beneficiato di questo salto generazionale.

Tutto vero, ma non è di questo che volevo parlarvi. Sono quindi partito, da bravo nerd, a cercare qualche fonte 4k per testare la nuova potenza. Prima ho scoperto che il servizio Wuaki avrebbe proposto video in questo formato, però alla resa dei conti sul loro portale non ho trovato ancora nulla. Poi ho letto che Sky avrebbe offerto  il SuperHD. Inizialmente non mi ero accorto della lieve differenza di dicitura (super e non ultra) e subito sono andato a cercare i video in questo formato. Trovo un documentario. Lo faccio partire e, non notando una particolare differenza, aziono le info del televisore: 1080i (neppure 1080p!!!) e 50fps. Alchè provo a sistemare le impostazioni del televisore. Niente. Provo a sistemare le impostazioni del decoder. Niente. Provo anche a cambiare la presa Hdmi del televisore. Niente.

Allora vado in rete e Wired (sempre più la mia bibbia) mi risolve l’arcano: il SuperHd di sky è solo un normale Hd (ma compattato meglio a livello software) con un canale che occupa il doppio della banda rispetto ad uno hd normale del pacchetto.

Delusione e vaga sensazione di essere preso per il deretano. Se volete informarvi meglio, vi lascio il link all’articolo.

Guida al Super HD – Wired.

Polizia va carabinieri

Qualcuno di voi si è mai interrogato su quali siano le differenti competenze da polizia è carabinieri? Se sì, ha trovato una risposta. Se sì, cortesemente me la spiegherebbe? 

Personalmente non ho mai capito la differenza, fatto salvo che uno dei due corpi ha le auto immatricolate come Esercito Italiano e l’altro come vetture normali. Lì ho sempre visti come una duplicazione figlia della storia dell’unità d’Italia e del nostro precedente frazionamento. 

L’Italia. Vista da lontano

Quando si viaggia all’estero, soprattutto in Europa, l’Italiano (come chiunque altro) tende a fare un confronto tra il proprio paese e gli altri. Per noi questo confronto è spesso impietoso. A questo punto l’esterofilia dilaganti prende il sopravvento e spesso all’estero si sentono italiani magnificare tutto quello che è straniero, bastonando la situazione italiana, come se questa non la riguardasse. A me viene in mento un motto letto qualche tempo fa “non maledire quando sei fermo nel traffico, perché tu fai parte del traffico.”
Io non nego i problemi italiani. Anzi. Soprattutto per quanto riguarda il senso civico siamo molto indietro (e continuiamo a peggiorare). Però a me andare all’estero non fa mai venir voglia di emigrare ma sempre di tornare e di provare a fare qualcosa nel mio piccolo. Vediamo. Sono tornato con molta voglia di fare.

I temibili anni 80 vs i fantastici anni 90

Per strani salti di youtube, mi sono imbattuto in questo video con le hit del 1980 in italia (ci sono di molti altri anni di quel periodo).
Fa molta impressione la differenza qualitativa tra i titoli italiani e quelli stranieri. Quello di Bosè al secondo posto (per la cronaca, per me è in quota alla canzone italiana) per me non se lo ricorda neppure lui d’averlo cantato.

Poi ho preso una classifica a casa degli anni 90. Se eslcudiamo le derive dance (datura, usura etc) neanche da mettere. Sono decisamente un figlio degli anni 90 musicalmente (anche se pure lì c’erano dei bei mostri… qualcuno ricorda Dur Dur d’etrè bebè?)

Easyjet ringrazia l’Italia

Evidentemente Easyjet è grata all’Italia per aver eliminato l’Inghilterra, visto che la campagna che hanno lanciato punta sul consolare i poveri britannici delusi dalla propria nazionale.

Globalizzazione

Oggi scrivo a un amico su facebook: “sai, i miei sono dalle tue parti in questi giorni”
“ah mentre loro sono qua io torno su da voi”
Dialoghi da globalizzane tra Italia e Argentina (che speriamo non siano mai unite da comuni destini di bond…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: