Archivi Blog

Vodafone: come ti sistemo il bilancio (a spese dell’utente)

vodafone-logoDa un po’ di tempo notavo come, rispetto a diversi anni fa, io (ma credo anche molti di voi) spenda meno rispetto al passato per quanto riguarda i costi del cellulare.

I margini per gli operaori si sono (giustamente?) ridotti e anche loro devono sistemare il bilancio. Cosa ha pensato di fare Vodafone quindi? Io ho una ricaricabile che prevede un canone mensile. Che poi mensile non era: fino al mese scorso l’addebito avveniva ogni ogni 30 giorni. Oggi ho ricevuto un messaggio che dice che i soldi d’ora in poi verranno prelevati ogni 4 settimane. Un mese, 30 giorni, 4 settimane… Sempre la stessa cosa? Mica tanto.

Facciamo un rapido conto. Semplificando diciamo che in un anno ci sono 52 settimane pari a 364 giorni. Quindi con i 30 giorni, avvengono 12,13 addebiti. Con i 28 giorni gli addebiti diventano 13.

Con un piccolo barbatrucco amministrativo, vodafone ha così ottenuto un aumento del fatturato del 7,17%

Wifi Condiviso

Gli operatori telefonici si stanno buttando sull’offerta di Wifi condiviso in giro per le grandi città. Vodafone (per gli utenti domestici), Tiscali e Fastweb (di cui in calce vi riporto la pagina dedicata), offrono ai loro clienti la possibilità di collegarsi ad hotspot “privati”.

Il meccanismo, se l’ho capito bene, dovrebbe essere per tutti gli operatori il seguente:

A casa mia sarei collegabile a una rete tiscali ma, non essendo loro abbonato, non riesco. Dal mese di dicembre Wow Fi (questo il nome del servizio di Fastweb) sarà disponibile anche a Milano. Vi farò sapere se riesco ad utilizzarlo.

Sorgente: WOW FI

Il tirchio di megabyte 

Quando una risorse è limitata, bisogna gestirla in economia. No, non vi voglio parlare di soldi ma di megabyte di traffico mobile. Da quando ci sono gli abbonamenti adsl flat ci eravamo disabituati a tenere il conto dei consumi. Chi come me ha qualche anno alle spalle, ricorda l’era dei modem 56k (io veramente ricordo anche quella dei 14.4 ma anche dei 300/300…) dove per non gravare troppo sulle bollette, si centellinava la presenza online. Ora stiamo un po’ rivivendo quell’eda sui nostri smartphone. Se siete un po’ smanettoni, il giga al mese sicuramente non vi basta. Personalmente ho anche l’assillo di non riuscire a rimanere entro i due. Ecco che quindi video, aggiornamenti, streaming si fanno solo sotto wifi. Come invocava leganerd mesi fa, servirebbe un abbonamento solo dato 🙂 tanto odio parlare al telefono 🙂

Navigazione mobile: elucubrazioni di un commercialista nerd

Sto ripensando alla mia spesa per la connessione mobile. Anche perchè mi è stata disattivata la sim 3 che ho sul tablet… ma questo è un altro discorso, fatto di promozioni di pokerstar e problemi tecnici di tre, di cui magari vi parlerò in un altro momento.
La mia soluzione attuale è:

Smartphone: 9 euro al mese per il piano base (con 1gb) e altre 5 euro per 1gb aggiuntivo
Tablet: 5 euro al mese per 3gb

Ho fatto le mie ricerche ma l’unico piano per il tablet che mi intrighi è quello di TRE che già avevo.
Da dove nascono allora i miei dubbi e le mie elucubrazioni? Dalle possibili variazioni sul tema che potrei fare.

SOLUZIONE SBORONE: TRE mi darebbe il modem wifi portatile e 15gb per 14 euro al mese.
Pro: toglierei il gb aggiuntivo dallo smartphone e alla fine averei 10 gb in più per 4 euro in più (14 invece di 5+5), potrei condividere la connessione, in ottica di futuro cambio dell’ipad passerei a quello wifi (cosa di cui sono abbastanza certo già ora)
Contro: un altro “pezzo” da portarmi in giro (con tanto di caricabatteria), non sono sicuro di usare così tanto la navigazione.

SOLUZIONE BRACCINO: Utilizzo l’iPad solo in wifi, come faccio da mesi e quando sono in giro sfrutto in bridge la connessione dello smartphone.
Pro: Costo totale di 14 euro al mese
Contro: Solo 2gb

Che ne dite? In ottica di spending review potrei anche tenere la soluzione attuale (che, vista la cancellazione dell’attuale sim TRE è la “bracciono”), però l’altra ha anche esternalità positive soprattutto per altri soggetti che potrei far connettere.

Gradite segnalazioni di offerte che mi fossi perso.

Alla ricerca dei megabyte perduti

Vi scrivevo che questo mese sono finito in pesante crisi di megabyte sul mio contratto mobile. Mi sono arrovellato per cercare di capire da dove fosse uscito questo consumo anomalo. In iOs8 non mi sembrava ci fossero opzioni che implicassero una cosa del genere. Più probabile che mi sia scappato qualche aggiornamento di troppo quando ero sotto rete 3G invece che wifi. Pensando però a quali comportamenti differenziali avevo avuto nell’uso del mio iPhone questo mese, ho individuato il principale indiziato. Di recente ho preso il vizio del dettato vocale, sia per quanto riguarda gli sms che alcuni post del blog. La conversione voce-testo viaggia in rete e penso che non fosse così leggera come pensavo. Dovrò, anche in questo caso, stare attento e farla andare solo sotto rete wifi.

Ansia da soglia dati

Il mio contratto mobile prevede un forfait di 2gb al mesi di trasferimento dati. Per tanto tempo mi è bastato un solo giga, in vacanza sono salito a 3, ora penso che, normalmente, me ne bastino due. Non questo mese però. Per motivi che sto cercando di appurare (opzioni nascoste di iOs8? Abilitazione 4g di Vodafone?) a dieci giorni dal rinnovo della mia offerta mi sono rimasti una manciata di mega. Ansia da puro Nerd! Stante nel breve periodo l’impossibilità di ripassare ai 3gb, sto correndo ai ripari. Da un lato sto cercando di disabilitare qualsiasi opzione possa nascondere un consumo dati “sotterraneo”, dall’altra tengo spesso totalmente spento il traffico dati. Per fortuna che spesso girando in centro a Milano ci si attacca al wifi pubblico.

Velocità warp?

IMG_5623-1.PNG

Ieri, senza averlo deciso prima, ho fatto una piccola spesa fuori programma. Visto che il mio piano tariffario e il mio cellulare supportano le nuove reti veloci 4G/LTE sono passato in un centro vodafone e mi sono fatto cambiare la Sim. Spesa: 10 euro. Attivazione: 2 minuti (mi avevano detto entro 24 ore).

Da buon appassionato delle statistiche, ho subito fatto una verifica delle velocità. In effetti in download non c’è proprio paragone, come potete vedere dall’immagine. Il risultato dell’upload invece mi pare casuale: la banda dovrebbe essere sempre la medesima. Mi riservo di valutare se ciò comporta un consumo maggiore di batteria. C’è comunque da dire che una tale velocità tornerà utile in caso di chiamate via web o altre cose del genere, nell’ordinaria amministrazione il reale vantaggio sta nel fatto che a Milano ho notato che il segnale 3G di vodafone era peggiorato, da quando avevano lanciato la nuova rete. Conto che ora questi lievi disservizi non si verifichino più.

Rehab

Avete presente quelle cliniche, in genere in California, isolate dal resto del mondo, dove i ricconi e le star vanno a disintossicarsi da alcool e droghe? Ecco, Fetovaia non è per niente così, soprattutto ad agosto. Gente in ogni dove, traffico, parcheggi angusti. Però, c’è sempre un però. Però a Fetovaia (o almeno nel nostro albergo, peraltro carino e in ottima posizione) Tre non prende, Vodafone va solo in Edge e il wifi è presente solo nella hall. Sala comune dove per altro entrando ho notato, non senza qualche ironia, la cabina per telefonare. Non la vedevo dagli anni 80. Ora dopo aver verificato la situazione connessioni, la guardo con molta meno ironia.

Per la mia sete di connessione, dopo che per una settimana ho giocato a Pokerstars in wifi anche dalla spiaggia, sarò una vera prova di sopravvivenza e riabilitazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: